accedi   |   crea nuovo account

Zamul pensa

Zamul pensa che la religione sia l'arma politica più persuasiva mai creata dall'uomo...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • alessio pernarella il 03/05/2011 01:00
    caro zamul, propio oggi ho visto hamebus papam ed il concetto e' lo stesso... secoli e secoli di proselitismo, ricatti, lavaggi del cervello, giochi a doppio effetto manovrati sulla paura e la necessita' dell'uomo a non sentirsi solo nei confronti della morte, con questo non voglio dire che non bisogna credere, ma cosi'... e' troppo facile, sono con te!
  • Samuele Abbate il 01/05/2011 20:49
    Grazie molte dei commenti!!!!! cmq per chi lo ritenesse importante il mio nome è samuele, ma chiamatemi Zamul!!!!
  • Salvatore Abbate il 01/05/2011 18:18
    c'è chie e credente e chi non lo è nonostante tutto
  • Donato Delfin8 il 01/05/2011 14:17
    pensa te Zamul che anche Marx singhiozzava qualcosa di simile
  • giuliano paolini il 01/05/2011 11:12
    è la sorella maggiore della politica ed insieme fanno il lavoro egregio di tenere l'uomo diviso dalle sue gioie fino al giorno in cui individui si svegliano e comprendono il grande inganno, ma intanto riposano e riposano che dire buon riposo
  • Vincenzo Capitanucci il 01/05/2011 09:43
    h... mancava un h a ha massacrato... nel verbo essere..
  • Vincenzo Capitanucci il 01/05/2011 09:41
    la religione è diventata un'arma... e a massacrato vite a più non posso... ed a anche fatto qualche piccolo grande santo...

    cmq è una stampella... e molti ne hanno bisogno... per camminare... per correre... bisogna superarla..
  • Anonimo il 01/05/2011 09:21
    Secondo me, il credente dovrebbe essere sempre coerente con le proprie scelte. Tali scelte non valgono solo nel tempio, ma anche nella vita di tutti i giorni, appunto per coerenza col proprio credo e con la propria coscienza, e non per obbedienza ad ordini gerarchici o minacce di pseudo-scomuniche. Detto ciò, la ricaduta è necessariamente politica perchè il credente è un animale sociale e non un marziano.
    Per quanto riguarda il commento di prima, non te la prendere Zamul, che mi sei pure simpatico, ma a me piacciono le persone che mettono il loro nome e cognome. Questo sito, te ne accorgerai, è pieno di cloni e persone anonime.
    Buona domenica
  • Samuele Abbate il 01/05/2011 00:47
    Zamul pensa che il suo vero nome non interferisce su quello che vuole esprimere, quindi lo reputa superfluo.
  • Anonimo il 30/04/2011 23:28
    Io penso che Zamul Lumaz non esiste e che sia lo stesso nick scritto al contrario. Che pensa Lumaz o non Lumaz?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0