PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La considerazione degli altri

Mi piace essere considerato per ciò che voglio, non per ciò che posso.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • massimo vaj il 15/06/2014 10:18
    Io considero le persone per come vivono le verità che ritengono essere giuste. Se poi vogliono fare il bump-jumping, ma non ne hanno il fegato, m'importa poco e, al limite, le prendo in giro raccontando loro la balla che io lo faccio tutte le mattine, ogni volta che mi alzo dal letto...

15 commenti:

  • Sandra Checcarelli il 27/10/2011 16:08
    Una frase davvero particolare. Tutti vogliamo essere presi in considerazione secondo me non tanto né dal volere né dal potere ma per quello che siamo ora in questo preciso momento
  • laura cuppone il 10/08/2011 01:46
    non sempre si puote ciò che si vuole...
    ma spesso si é ciò che si vuole...
    concordo...
    ma é un prendere o lasciare???
    spero solo che la volontà non costi
    e l'essere non desideri... troppo.

    ciao Nico.
    laura
  • Nicola Saracino il 20/07/2011 15:08
    Una riflessione anche su "volere è potere". Credo che sia, ancora una volta, riferito ad un volere per se stessi. Se voglio fortissimamente laurearmi, ci riesco. Posso. Oggi quasi tutti i poteri provengono da un fortissimo volere per se stessi. Quello che è raro, è che un volere per tutti, per la società insomma, si trasformi in potere. Di fatto, è più facile realizzare il volere per se stessi che il volere per tutti, proprio perché ognuno vuole per se stesso e così quello che diventa il suo potere va in conflitto ed impedisce che un "volere per tutti" si trasformi in potere. L'esempio più maestoso? Il "volere per tutti" di Gesù Cristo, per cui, a seconda, ha il rispetto, la venerazione, l'adorazione dovuta a Dio, non si è mai trasformato in potere. Almeno qui, su questa terra. Ma è qui, ohimé, che si svolge la scena di questo aforisma. Del resto, quando qualcuno che vuole per tutti pretende che ciò si trasformi in potere, nascono le dittature. In dittatura non vale il "volere è potere" individuale, per cui il mio aforisma potrebbe risultare alquanto consolatorio: potendo poco o nulla, almeno cerchiamo un po' di considerazione! Occhio, però, ai delatori che sono in caccia dei "voleri" dei dissidenti...
    Nicola
  • Nicola Saracino il 20/07/2011 14:48
    Sì Elisa, è difficilissimo... perché gli altri, prima di sapere cosa o chi sono io, dovrebbero riuscire a sapere cosa o chi sono loro.
    Grazie Vincenzo per esprimermi apertamente la tua considerazione. È preziosa per me, come la nostra intesa.
    Agata, il tuo commento dimostra che sei abituata a riflettere ed usare bene le parole. Una rarità.
    Nicola
  • ELISA DURANTE il 20/07/2011 14:22
    Ma volere è potere...
    E poi, perchè non essere considerato per quello che sei, e basta? Perchè è difficile per gli altri sapere cosa, chi sei?
  • Vincenzo Capitanucci il 20/07/2011 13:25
    Volontà di potenza... in divino Amore.. Nietzsche e San Francesco... vanno braccetto alla feste dei Re...

    È finissimo.. il Tuo Aforisma Nicola... se potesse essere vero... cambierebbe il mondo... la mia considerazione per Te..è altissima...
  • Agata Gatti il 20/07/2011 12:37
    Volere è già un grande passo, è meritato. Potere è tristemente qualcosa di scontato.

    Grazie per i commenti alle mie "opere", è stato un piacere
  • Nicola Saracino il 15/07/2011 12:22
    ... e a tavola non si invecchia, e sono scomparse le mezze stagioni, cara Peppina!
  • Giuseppina Iannello il 15/07/2011 10:43
    L'erba voglio non cresce nemmeno nel giardino del re!
  • Nicola Saracino il 11/07/2011 10:18
    No Giuseppe, almeno non in generale. "Ciò che voglio" non è, o almeno non è soltanto, "ciò che voglio per me", ma è ciò che voglio per la società, quel "ciò" per cui sono disposto ad impegnarmi, a parlare, a subire attacchi ed anche a rinunciare. N
  • Giuseppe ABBAMONTE il 10/07/2011 18:41
    Nicola
    tornando ad una nostra vecchia discussione, non ti pioacerebbe essere considerato per ciò cui sei pronto a rinunciare?
    Giuseppe
  • Nicola Saracino il 03/07/2011 19:07
    Ciò che si è... è ciò che si vuole. Siamo volontà, come ha detto Schopenhauer. Quindi, direi, Rosaria potrebbe essere d'accordo con me.
    Brillante la chiosa di E, brillante...
    N
  • rosaria esposito il 03/07/2011 18:45
    credo sia meglio essere considerati per ciò che si è. essere se stessi, all'ennesima potenza, anche contro il mondo intero...è ciò che ti dà forza e coscienza di esistere davvero. ognuno è unico e irripetibile, non c'è bisogno di aggregarsi.
  • Nicola Lo Conte il 03/07/2011 18:40
    Rappresenta comunque una dipendenza, seppure umanissima!
  • Anonimo il 03/07/2011 00:23
    Ebbene, ti consideriamo per ciò che vuoi, noi che non sapiamo che vogliamo, ma sapiamo cosa puoi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0