accedi   |   crea nuovo account

Qual e' la realta'?

È difficile stare bene con se stessi quando di te hai solo un ricordo e non ti vedi come realmente sei e come ti vedono gli altri.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • Aliena il 16/04/2013 20:22
    Ma pur sapendo come sei, se sei forte e deciso, ti fai vedere dagli altri come vuoi tu
  • Gianni Spadavecchia il 19/12/2011 19:21
    Personalmente per me è difficile star bene con me stesso perchè non mi sento mai abbastanza, credo capiti a molti. Ciao Francesca.
  • Nicola Lo Conte il 12/11/2011 23:06
    Sei perfetta così... guardati con gli occhi del cuore...
  • Anonimo il 02/11/2011 09:47
    Nessuno di noi è perfetto, non sempre possiamo ripartire da zero, perlomeno fino a quando le circostanze ce lo impediscono ma comunque possiamo crearci degli interessi facendo qualcosa di bello che ci piace nel tempo libero (anche scrivere come facciamo noi, funziona)
  • Don Pompeo Mongiello il 02/10/2011 12:33
    Basta guardarsi allo specchio con coscienza serena e sincera, così vedi realmente se stessa e forse come ti vedono gli altri, almeno gli amici.
  • Anonimo il 11/09/2011 10:32
    Intanto osservati e ascolta ciò che ti senti di essere... questo è importante.
  • Raffaele Arena il 17/08/2011 14:04
    Francesca, per fortuna le persone ricordano chi sei... purtroppo non tutte, ma quelle che ti voglion bene si... e se non lo fanno loro quanto sei ancora capace di donare (grazie per l'aforisma) e quanto ricevi.
  • vania antenucci il 30/07/2011 10:57
    Cara Francesca ama cio che sei, il sole splende sempre su di tutti bisogno coglierlo e farlo brillare brava
  • Lele M. il 29/07/2011 01:29
    In che punto si pone il nostro "veramente essere"? Prima dell'io che percepisce se stesso? Dietro a ciò che gli altri percepiscono di noi? O forse siamo "veramente" ciò che appariamo? Ma a noi stessi o agli altri? Esiste un vero "noi" cui poter fare riferimento? Rispetto al quale poter dire: ma no, io non sono davvero così, in realtà io... (!) Qual è la realtà, è la domanda, giusta che sta alla base dell'aforisma. Eppure credo che sia quanto meno "illusorio" poter credere di pervenire a un "veramente essere", a un nucleo di identità. L'unica che ci resta è proprio il ricordo consapevole di essere stati soggetto, sempre identico a se stesso, di una serie di pensieri, percezioni ed idee. Se vogliamo, teatro di un qualcosa protratto nel tempo. Ma chi siamo noi? Il teatro, il dramma che vi è stato inscenato, l'idea che ne ha avuto il pubblico, o la registrazione di una messa in scena?
  • ELISA DURANTE il 18/07/2011 08:22
    Concordo con il commento di Maria Rosa, aggiungendo che se il "dentro" e il "fuori" di noi non si prendono per mano di "altri" ce ne saranno sempre meno perchè per piacere (in senso lato) bisogna piacersi! Dai! Coraggio! Inizia a volerti bene-bene sempre di più (se non avevi iniziato a farlo prima), altrimenti finirai col diventare, orrore!, invidiosa dei giovani (che, in modo diverso, stanno male pure loro) !
  • Anonimo il 13/07/2011 00:40
    L'animo si perde nei nostri pensieri e sentimenti.
    Purtroppo non basta uno specchio per scoprire alcuni lati di sè!
  • Maria Rosa Castellano il 11/07/2011 17:36
    Attenzione: gli altri vedono quello che tu vedi di te.
  • giuliano paolini il 10/07/2011 10:21
    forse bisogna imparare a non conoscersi a dimenticarsi perchè il ricordo appesantisce il cammino il portare un po' della spesa di ieri ci fa perdere la voglia di nuove spese e se non paghiamo un po' ogni giorno finiamo per lasciare provviste che cominciano presto a fare cattivi odori baci e cotillons
  • Giacomo Scimonelli il 08/07/2011 16:46
    una domanda che potrebbe avere... anzi ha innumerevoli risposte... bel pensiero amica mia...
  • mario durante il 06/07/2011 23:04
    Mutare nel tempo è quasi naturale. Talvolta ci fossilizziamo nel vederci come eravamo anni fa, senza seguire le nostre stesse evoluzioni, perdiamo il senso del "cammino", ci sediamo senza capire che la vita prosegue. Non ci guardiamo "nello specchio".
  • Anonimo il 05/07/2011 20:14
    bella domanda francesca... alcune volte la nostra auto critica non sbaglia...
    come dice donato non è facile... brava
  • Donato Delfin8 il 05/07/2011 16:36
    Bella domanda! Difficile dare una risposta.
    Pochi riescono a parlare con la propria coscienza così come ad ascoltare i nemici.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0