PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Impossibile?

L'impossibile esiste nel mondo di chi si siede ma non si aspetta nulla in cambio. L'impossibile diventa possibile con la lotta.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

20 commenti:

  • Luca Cruciani il 02/01/2014 15:19
    "nulla è impossibile"
  • John Barleycorn il 03/02/2012 01:41
    Bella questa, impossible is nothing...
  • STEFANO ROSSI il 12/09/2011 14:35
    Se non cambierà LOTTA DURA SARA'! SEMPLICE. VELOCE. MA PUNGENTE
  • STEFANO ROSSI il 12/09/2011 14:34
    Impossible is nothing.
  • Alessandro Guerritore il 28/07/2011 21:42
    Io aggiungerei con la speranza.
    Che ne dici?
  • Anonimo il 28/07/2011 18:11
    L'inerzia, l'inazione, l'indifferenza sono le ragioni dell'insuccesso... dell'impossibile!
    Sono pienamente d'accordo. Parola di portatore di handicap.

    Ciao
    Alarìco
  • Andrea (le tre Botti) il 28/07/2011 17:41
    Lottare per l'impossibile?... mi piace!
  • Bianca Moretti il 24/07/2011 12:26
    Grazie Bruno del tuo passaggio. Una buona domenica a te.
  • Bruno Briasco il 24/07/2011 11:35
    L'impossibile è impossibile agli statici, agli sfiduciati... se si osa, nulla è impossibile.
  • Bianca Moretti il 23/07/2011 23:04
    Esattamente Carla, il senso era quello...
    Naturalmente concordo anche con quel che tu dici, Mario: è lo stesso modo di vedere... solo da angolazioni diverse... Un caro saluto ad entrambi
  • Anonimo il 23/07/2011 19:31
    diventa possibile per chi osa... per chi crede in se stesso, per chi lo vuole... anche per questo aforisma i miei compòlimenti bianca...
  • mario durante il 23/07/2011 13:32
    Chi si siede, accetta l'impossibile e lo determina, chi lotta lo pone in discussione, probabilmente amo pormi nell'analisi delle teorie in tutte le posizioni critiche.
    Solitamente ognuno ha le sue ragioni, non ragione.
    Rispettosamente Ti saluto.
  • Bianca Moretti il 23/07/2011 11:58
    P. S. per Mario: riguardo alla lotta "inutile" di Don Chisciotte naturalmente intendevo che per lui non lo era... (errore di trascrizione)
  • Bianca Moretti il 23/07/2011 10:28
    Elisa, dici teoricamente, il che non è poco. Non tutte le teorie sono state poi rese nella pratica, ma servono a questo... Sta a noi trovare il modo più giusto di tradurle nella pratica e nella realtà... Se qualcuno ha potuto concepire un pensiero, comune a quello di tantissimi altri, stiamo pur certi che esso si diffonderà e ne contagerà altri... in senso positivo o negativo, naturalmente. Pensa ai grandi movimenti di idee e di pensiero, alle mode, ai modelli politici... Ciò insegna che così come sono nati e si sono diffusi, così possono essere modificati o distrutti... Anche uno solo di noi può fare la differenza, sta a noi intuirne il vento del cambiamento e abbracciarne la sua causa. Anche se così non fosse almeno avremmo fatto la nostra parte. Grazie Elisa della tua attenzione e per avermi suscitato tali riflessioni.
  • Bianca Moretti il 23/07/2011 10:26
    Caro Mario, come sempre riesci ad andare in fondo alle cose e poi vai... contro corrente, alla ricerca della possibile fregatura o falla del discorso. Suppongo tu sia scettico per natura, e fai bene! Bisogna guardare da tutte le angolazioni per avere un quadro completo. Nello specifico, citi Don Chisciotte, simbolo della lotta "inutile" (per lui lo era eccome! Niente era impossibile pur di conquistare la sua bella Dulcinea) Egli con la sua lotta rappresenta un caso estremo:lui era un visionario, un idealista, quindi un "pazzo", per gli uomini del suo tempo, ovvio che la sua lotta fosse fuori da ogni logica ALTRUI... Ma e' anche (e questo era il messaggio del grande Cervantes) il simbolo di chi lotta e non si ferma davanti alle prime difficoltà. Di chi, non volendo accontentarsi di ciò che ha e volendo cambiare la realtà del suo piccolo mondo, usa tutte le "armi" a disposizione per trovare una soluzione al suo problema: anche mutando progetti e puntando su altri obiettivi se questo ti porta verso un cambiamento per te desiderabile e pertanto possibile. A volte essere rigidi sulle proprie posizioni, mostrare una certa fissità di pensiero, non ci aiuta a vedere le possibili alternative che ci condurrebbero ugualmente a perseguire il medesimo risultato... ma arrivandoci da una diversa strada. Non dico che si possano rendere possibili tutti i nostri "sogni" ma se così non fosse a cosa servirebbe la nostra lotta? Grazie comunque per i tuoi commenti, mai superficiali, sempre attenti e puntuale, e direi... viscerali.
  • ELISA DURANTE il 23/07/2011 07:44
    Teoricamente possibile... E ripeto, teoricamente!
  • mario durante il 23/07/2011 00:50
    Diciamo che chi si siede muta i suoi programmi e modifica le prerogative.
    Si cambia target, si ricercano progetti a noi possibili.
    Don Quixote de la Mancha con la sua eterna lotta era sempre fuori dalla logica della realtà.
  • Bianca Moretti il 22/07/2011 22:01
    Ma che acutezza... Chi l'avrebbe detto che un delfino e un gatto andassero così d'amore e d'accordo... Grazie a entrambi!
  • rosaria esposito il 22/07/2011 21:53
    il commento del profdelfino qui sotto è insormontabile. egli è un vero pesce d'altura! mi associo. a te, Bianca, e al prof
  • Donato Delfin8 il 22/07/2011 21:41
    eh già
    Anche la vedetta che lotta con la rotta giusta trova sempre i porti impossibili

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0