PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La doppia condanna dei depressi

Prima di condannare coloro che si suicidano, le persone dovrebbero riflettere bene su quanto effettivamente abbiano sofferto loro stesse; tanto da pretendere di potersi mettere nei panni altrui.

 

2
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/02/2014 23:23
    Mi sono appena accorta che, alla fine dei commenti di questa pagina, compare una volgare immagine pubblicitaria... Pubblicitaria di cosa?? Dello schifo che, anche su questo sito, la pubblicità impone??? E in nome di che cosa io dovrei tollerarlo? In nome di che cosa la poesia dovrebbe mescolarsi con la volgarità imposta???

8 commenti:

  • Anonimo il 04/02/2014 07:43
    VEDO CHE HANNO SOSTITUITO L'IMMAGINE PUBBLICITARIA: UNA VOLTA TANTO PROTESTARE È SERVITO.
  • Anonimo il 04/02/2014 00:11
    Chiedo scusa a chi voleva parlare di un tema angosciante come la depressione, ed io ho parlato... di una mia depressione che per altri di questa pagina, o ricordati su questa pagina, era ben più distruttiva...
  • Anonimo il 04/02/2014 00:04
    Oggi qualcuno, in TV, ha detto: la Rete potrebbe essere una cosa grande, ma sta diventando sempre più una "fogna"!
  • Anonimo il 03/02/2014 23:55
    Per Vera. Le pubblicità sono i soldi del sito; lo aiutano ad andare avanti (per inerzia). Ed ai capi basta questo.
  • Anonimo il 03/02/2014 23:28
    Magari succederà ancora che qualcuno mi criticherà perché mi scandalizzo facilmente, ma che volete farci ognuno ha i suoi gusti!... Quelli attuali, un po' in tutti i campi, mi stanno davvero DEPRIMENDO.
  • mario durante il 28/07/2011 21:05
    Con questa mi ricacci nei drammi della vita.
    Ho avuto vicino persone che han scelto la via più breve e ti garantisco che la loro sofferenza viene percepita ed è spiazzante e dilaniante.
    Solo gli effimeri giudicano, gli altri soffrono e non dimenticano, MAI.
  • karen tognini il 28/07/2011 00:17
    Un mio caro amico si è impiccato in cameretta del figlio... lui era a scuola tranquillo quella mattina... ancora mi chiedo come abbia potuto farlo!!!.. pero' pensandoci bene non lo condanno... credo che la depressione sia veramente una malattia terminale.. se non viene curata bene e capita!... chi ne soffre deve avere la forza e il coraggio di farsi aiutare...
  • rosaria esposito il 27/07/2011 19:48
    è vero, è impossibile mettersi nei panni altrui (soprattutto se non hanno la tua taglia) scherzo... comunque nessuno va mai condannato, soprattutto coloro che decidono di mettere il punto alla propria esistenza. hanno sofferto moltissimo, e non hanno trovato in se stessi la necessaria forza per sopportare e andare avanti. io, prego sempre per le loro anime, perchè, almeno da morti, trovino la giusta pace.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0