PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cambiare qualcosa di te?

Hitler voleva cambiare il mondo, i comunisti volevano cambiare il mondo, I fascisti volevano cambiare il mondo, il mio vicino vuole cambiare il mondo:ma nessuno di loro ha mai pensato, neanche per un attimo, a cambiare qualcosa di loro stessi.

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • rosaria esposito il 01/09/2011 22:32
    Andre... grazie... solo che mò ho ancora meno tempo per il pc... ci sono i muratori in casa... ahimè.. ma io, quando se ne vanno, emergendo dall'ottore che lasciano.. vengo qui.. anche per poco... notte notte, serenissima notte.
  • Andrea (le tre Botti) il 01/09/2011 22:26
    T'aspettavo, Rosaria, ti aspettavo... e ti aspetto ancora...
  • rosaria esposito il 01/09/2011 22:21
    ... eehhh lo sapevo che c'entravano le botti...
  • Andrea (le tre Botti) il 01/09/2011 22:15
    Grazie dei vostri commenti e d osservazioni...è come bere una buona bottiglia scambiandosi due "sensate" parole.
  • rosaria esposito il 01/09/2011 21:35
    no, lo hanno pensato, tutti lo hanno pensato... ma poi hanno deciso di cercar di cambiare gli altri... è ugualmente difficile, ugualmente improbabile... ugualmente privo di aspettative... ma impareggiabilmente soddisfacente per l'amor di sé...
  • Anonimo il 01/09/2011 18:06
    Il mio vicino, per esempio, vuole sempre cambiare il vino! Scherzi a parte, concordo con te.
  • Luigi Lucantoni il 01/09/2011 15:45
    le utopie sono nate x colmare le insoddisfazioni personali
  • Donato Delfin8 il 01/09/2011 14:00
    eh bè il destino è il proprio carattere no?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0