PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

[Senza titolo]

Se credessi nell'aldilà mi verrebbe in mente Andreotti che, una volta morto, viene accompagnato dai diavoli all'inferno, ma, appena arrivato, Satana terrorizzato scongiura Dio di chiudere un occhio e di accogliere il gobbo nel Regno dei Cieli.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Luana D'Onghia il 11/11/2011 19:06
    Se per questo, fortunatamente, neanch'io.
  • Luigi Lucantoni il 08/10/2011 02:17
    ma tanto non ci credo all'aldilà
  • Luana D'Onghia il 07/10/2011 17:54
    Insomma, Luigi, hai devastato ogni mio sogno: ora, sapendo che Andreotti potrei incontrarlo anche nell'aldilà, preferirei andare all'inferno. Quindi, dovrei cambiare il mio rapportarmi alla vita. Queste informazioni che hai dato sono profondamente traumatizzanti! ahahah
    Bravissimo, ottima sintesi, gusto elegante e ironia aspra, ma leggera: sarcasmo.
  • Ugo Mastrogiovanni il 26/09/2011 09:48
    Satira di derivazione colta, di chi, al solo scopo di renderci meno pesante la vita, senza cattiveria e con spedita eleganza, riesce a banalizzare figure e cose.
  • vincent corbo il 24/09/2011 08:02
    Credo che qualcosa di umano alberghi anche nel cuore del mefistofelico Giulio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0