PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Miracolo

Strumento della cultura popolare, con cui il genere umano palesa i propri limiti, nei confronti della conoscenza.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • massimo vaj il 11/06/2014 07:13
    Una conoscenza che ridicolizzi i miracoli, nel contempo ridicolizza se stessa, perché mostra di non essere adatta a meravigliare le altre intelligenze...
  • Nicola Lo Conte il 08/05/2013 17:31
    Uscendo dalla polemica religiosa che si è innescata, io leggo il tuo aforisma in un altro modo. Se mostriamo una foto, fatta con una macchina fotografica digitale ad un indigeno, che non l'ha mai vista, crederà ad un miracolo, così come nel vedere aprire un cancello con un telecomando. Può, dunque sembrare un miracolo l'uso di una nuova tecnologia.

15 commenti:

  • mario durante il 20/05/2012 11:16
    La sapienza è di Dio, la conoscenza il diavolo la vuol far propria.
  • mariateresa morry il 31/03/2012 15:28
    Non mi incarto affatto caro Dantes, sei tu che hai snocciolato come la lista della spesa una serie di versetti, per dimstrare cosa poi? ... io non debbo insegnare nulla a nessuno... e la mia " sapienza" è di certo minuscola a fronte della tua convinzione. In merito a " come bisogna leggere" la Bibbia, anche secondo il linguaggio spesso simbolico che in essa si ritrova e in certuni casi di difficile traduzione in lingua corrente, puoi trovare ottime opere di interpreti, non necessariamente cattolici. La lettura del testo biblico va fatta senza mai estrapolare versetti ( questo è riconosciuto da tutti i maggiori studiosi), ma nel contesto dell'intero brano. Comunque, tanto per non voler disgustare nessuno, vedrò se ho tempo di scrivere qualche cosa in proposito, magari nella sezione prosatori. Un abbraccio MOrry
  • paul von hofburg il 31/03/2012 15:14
    ma che scemo ignorante che sono! e dimmi come bisogna leggerla, ho sete di abbeverarmi alla tua sapienza.
    qual'è la giusta INTERPRETAZIONE quella che ne danno i mussulmani o quella che ne danno gli ebrei oppure quella dei cristiani. e tra i cristiani chi la legge meglio, i cattolici, i valdesi, i luterani, gli anglicani, i mormoni, gli avventisti del settimo giorno, i testimoni di geova. Ti stai incartando da sola mia cara.
  • mariateresa morry il 15/03/2012 19:05
    Guarda che la Bibbia occorre saperla leggere, mica è così semplice e banale come credi tu... ho frequentato cinque anni di teologia e biblistica, hai poco da provocare. Pensa quello che più ti piace... pace e bene!
  • Anonimo il 15/03/2012 16:38
    la d minuscola era voluta!

    Antico testamento
    dal libro di Ezechiele


    8, 18 - Ebbene anch'io agirò con furore. Il mio occhio non s'impietosirà; non avrò compassione: manderanno alte grida ai miei orecchi, ma non li ascolterò".

    dal libro dei Re
    2, 33 Il loro sangue ricada sulla testa di Ioab e sulla testa della sua discendenza per sempre, mentre su Davide e sulla sua discendenza, sul suo casato e sul suo trono si riversi per sempre la pace da parte del Signore.

    Deuteronomio
    13. 10 Anzi devi ucciderlo: la tua mano sia la prima contro di lui per metterlo a morte; poi la mano di tutto il popolo; lapidalo e muoia, perché ha cercato di trascinarti lontano dal Signore tuo Dio che ti ha fatto uscire dal paese di Egitto, dalla condizione servile. Tutto Israele lo verrà a sapere, ne avrà timore...
    sono solo alcuni esempi di quanto la misericordia divina sia presente nell'antico testamento. Queste sono parole degne del più iracondo degli uomini, e non sorprende che quanto più l'ortodossia sia forte tanto più l'odore del sangue avvolga l'aria.
  • mariateresa morry il 14/03/2012 21:23
    Per fortuna che hai scritt0 dio minuscolo...
  • paul von hofburg il 14/03/2012 18:50
    In nome di dio, si sono commessi,(e si continuano a commettere) genocidi e violenze di ogni genere. Cristiana, Ebraica o Mussulmana che sia, tutte religioni derivanti dallo stesso ceppo (Abramo) si sono combattute e continuano ancor oggi a farlo.
    Ritengo che, più che essere dio, ad aver fatto l'uomo a sua immagine e somiglianza sia vero l'opposto.
  • mariateresa morry il 14/03/2012 13:19
    Tanto per puntualizzare, se per " miracolo" si fa riferimento ad un atto inspiegabile di Gesù, preciso che il termine più semanticamente corretto, oramai universalmente tradotto così, è " segno" che è ben altra cosa da " miracolo"... per il resto chi ha una qualunque fede, se la tenga ben stretta, perchè tempi così cupi per la tolleranza e la comprensione per chi è credente non se ne vedeva da tempo. Per il resto scrivete pure quello che più vi piace, ma rispettate il sentire altrui.
  • Anonimo il 29/01/2012 16:44
    sempre un caro saluto... ed ogni bene
  • Gianni Spadavecchia il 06/01/2012 11:18
    Cultura popolare, molto bassa.. d'accordo.
  • Laura cuoricino il 03/11/2011 16:22
    La Fede è un Dono, un Dono da coltivare con amore ed umiltà...
  • Anonimo il 19/10/2011 10:28
    Concordo con te, Paul... la natura ci offre infiniti spettacoli ed altrettante conoscenze, ma l'opera umana e spesso le abitudini prese inquinano o addirittura finiscono per distorcere tutto ciò!
  • Anonimo il 05/10/2011 15:37
    caro amico, mi trovi d'accordo su tutto ciò che hai scritto... anche se come tu dici il discorso è lungo, hai ragione nel dire che, parlando della natura, tutto e dannatamente inquinato ecc. ecc. tutto questo è opera dell'uomo... l'uomo è stato capace di essere nefando in ogni campo...è stato capace di allontanare dio dai suoi pensieri, di offenderlo, di togliere le croci dalle aule, di portare indegnamente tonache e di incomparlo per tutto ciò che di nefasto accade... tutto questo perchè esiste un LIBERO ARBITRIO... forse non troveremmo giusto che questo dio ci fulminasse ogni qual volta ci accingiamo a commettere atti abominevoli...
    Credimi Paul non sono una bigotta e non mi piacciono quelli che vanno in chiesa e si battono il petto, ma sono molto attenta al mio prossimo, non ti parlo come credente(magari lo fossi veramente)... ma come essere umano che risponde ad un amico...
    grazie per questa disquisizione che se vuoi possiamo contunuare in futuro.
    Un abbraccio di cuore paul con affetto carla
  • paul von hofburg il 05/10/2011 15:18
    Cara Carla,
    è un discorso dalle poliedriche sfaccettature quello che vogliamo affrontare.
    Ciò che asserisci mi trova d'accordo solo in parte.
    È vero la natura in genere ci regala spettacoli che se non sono miracoli gli si avvicinano molto. Ma tutto è dannatamente inquinato dall'opera (!?) del genere umano. La violenza, con cui ci accaniamo contro i quotidiani prodigi che la natura ci elargisce, è degno frutto della nostra barbara genia. Scusami, questa incursione misantropica, ma non vedo altra chiave di lettura possibile.
    L'africa che urla al mondo la propria fame ed in cambio vede mercenari occidentali, razziare le risorse della propria terra. Il cosiddetto mondo occidentale, che insozza il pianeta il nome del dio danaro. Perdonami, ma gli unici miracoli che riesco a vedere sono lavoratori in nero, che alla fine della giornata riescono a tornare a casa solo perché nella roulette del mondo del lavoro, il loro nome è stato risparmiato alla morte (almeno per quel giorno). Famiglie che sbarcano il lunario con poco più di mille euro al mese. No, mia cara non è tempo di miracoli questo. I miracoli come sono concepiti dalla nostra società sono quanto di più ingiusto un dio benevolo e misericordioso possa concepire per manifestarsi alle sue creature.
    Credimi se un dio c'è sicuramente non si cura di noi in questo momento!
  • Anonimo il 30/09/2011 12:48
    commentando solo il tuo modo di scrivere... ti dico bravo ben scritto... da persona che crede commento dicendo che tutto ciò che ci circonda è un miracolo... un saluto caro amico ti abbraccio carla

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0