accedi   |   crea nuovo account

[Senza titolo]

la tristezza è un bagnante con la faccia da culo; delle volte ce la si fa a spingergli sott'acqua la testa, se si usano due mani, ma non affoga mai, è sempre lì sotto, dopo un po' riesce a tornare su, e bisogna riposarsi un po' per ritrovare la forza di spingergli la testa sotto...

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • augusta il 16/11/2013 11:16
    mi piace... ma la solitudine fa parte di noi... 1 beso
  • Clodia. il 18/10/2011 11:26
    io ho sperimentato che veramente non c'è limite al peggio. domani non è un altro giorno, domani sarà un giorno peggiore di questo. che fare? soffocarlo con le cose che più ci piacciono. perché? perché la tristezza fa sembrare troppo lunga la vita.
  • Fernando Piazza il 17/10/2011 01:45
    Dai, non può piovere per sempre... essa è pur sempre l'altra faccia della medaglia... a turno con la Speranza la tristezza si contende la scena. Ma è pur sempre possibile gambizzarla, anche se con difficoltà... basta saper trovare il giusto punto di equilibrio, senza forzare troppo in entrambi i sensi...
  • Donato Delfin8 il 10/10/2011 10:15
    eh bè bisognerebbe farlo accoppiare con una faccia da... riproduzione dell'allegro gabbiano
  • rosaria esposito il 09/10/2011 19:12
    sembra strano, ma essa è parte integrante e forza motrice di quelle due nostre mani... che spingeranno la sua testa sotto, perchè non sopravvalga...
  • Luigi Lucantoni il 09/10/2011 14:56
    la depressione è un male cronico, chi non ne soffre la descrive alle orecchie di chi ne soffre come se fosse un malanno occasionale

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0