PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Necessaria spietatezza

Non dobbiamo temere di guardare nel fondo di noi stessi e di scoprire anche cose molto spiacevoli sul nostro conto. Solo così possiamo sopportare la vita.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 20/05/2013 14:29
    Sono proprio felice e grata per aver scoperto questa pagina: è preziosissima. Ma, più di tutti i pensieri espressi, mi ha commosso quello di Luigi, delle ore 19, 44. È una rara virtù la tua, credimi, anche se c'è dentro anche del pessimismo involontario.
  • Anna Eustacchi il 27/06/2012 21:51
    Senza"sprofondare"pienamente nella nostra anima non potremo mai sapere chi siamo veramente e la vita sarà sempre amara.

13 commenti:

  • mauri huis il 19/11/2011 18:45
    per la miseria! questa frase ha il respiro e il carisma di un grande autore. spero non sia però obbligatorio trovare qualcosa di molto spiacevole, altrimenti dovrò inventarmi qualcosa, per sopportare 'sta vita!
  • Luigi Lucantoni il 04/11/2011 02:43
    di sforzi ne ho già fatti tanti, dove avrei detto che non muovo foglia?!
  • mariateresa morry il 03/11/2011 21:20
    Luigi, se vedi i tuoi lati peggiori, ma non muovi foglia per cambiare, ci credo che non sopporti la vita! Che senso ha capire di che pasta si è fatti e rimanere inerti?
  • Anonimo il 03/11/2011 20:08
    Si ama qualcuno per i suoi difetti e non per i suoi pregi.
  • Luigi Lucantoni il 03/11/2011 19:44
    io non sopporto la vita proprio perché non faccio che vedere i miei lati peggiori
  • mariateresa morry il 31/10/2011 16:43
    Tranquillo Raf... non sono affatto facile ai sensi di colpa... però ritengo sia importante sapere chi siamo, magari passarci l'intera nostra esistenza, ma non nasconderci mai a noi stessi. Per non voler fare questo, la metà delle persone passa il tempo a compiangersi e ad incolpare gli altri dei propri insuccessi e dispiaceri.
  • Raffaele Arena il 31/10/2011 00:56
    E poi sorge una curiosità spontanea, ma quale conto avrai scoperto in te stessa? Lo dico per sdrammatizzare.. forse un conto di banca in rosso?
  • Raffaele Arena il 31/10/2011 00:53
    Come nel gioco degli specchi, e la tendenza all'imbarbarimento globale, e contagioso, livello di umanità oramai sotto in cantina, si dice che non si finisce mai di conoscere gli altri, e lo stesso vale per noi. Quanti lati oscuri. Il tutto sta nel provare coraggiosamente e riuscire, a non autoaffossarsi da sensi di colpa talvolta che ci creiamo più grandi di quel che sono nel quotidiano. E ripartire. Apprezzo molto questa tua frase.
  • Anonimo il 30/10/2011 20:27
    sicuramente, migliorare, crescere beh sto dicendo le stesse cose che dice l'amico bruno... mi è piaciuta brava
  • Bruno Briasco il 30/10/2011 12:10
    ... e cresceremo certamente migliori. Le esperienze chiamate negative sono quelle che aiutano a crescere, guardiamole negli occhi e, come dici tu, apprezziamole per il servizio che fanno verso di noi.
  • giuliano paolini il 30/10/2011 11:08
    i tentativi andati male sono i soli autentici amici che abbiamo è così che la vita propone nuove prospettive e crea spazi nuovi dove osare
  • alta marea il 30/10/2011 10:22
    Lo dico sempre a me stesso. Sono d'accordo, non bisogna avere paura di guardarci allo specchio dell'anima.
  • Luana D'Onghia il 30/10/2011 10:09
    Sono d'accordo, conoscere se stessi significa dominarci, affrontare con più serenità la vita e, soprattutto, comprendere il prossimo. Guardare dentro di sé é il primo grande passo verso la pace.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0