accedi   |   crea nuovo account

Quel muscolo chiamato cuore

Ad un importante esame medico, presa da decine di cavi, ho sentito in audio amplificato il battito del mio cuore. Un tonfo ritmico con un risucchio insopportabile a udirsi. Messa di fronte alla voce del mio cuore-macchina, del mio cuore congegno supremo, ho capito che di fronte alla Vita ci siamo noi e solo noi, da SOLI.

 

2
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • mariateresa morry il 14/11/2011 08:34
    Grazie Carla... se hai provato, allora sai come stanno le cose tra noi-mente e tutto il resto di noi! Buona giornata
  • Anonimo il 12/11/2011 20:31
    molto vera questa riflessione in alcuni momenti della vita siamo SOLI... l'ho provato è proprio così...
  • mariateresa morry il 12/11/2011 17:37
    Ragazzi, certe cose bisogna viverle...è incredibile come ci si possa estraniare da una parte di noi ed arrivare ad osservarla come altro da sè. Ua scissione mentale imoressionante... Grazie per i commenti!!
  • Anonimo il 12/11/2011 17:25
    Una considerazione che fa davvero pensare... se poi si pensa che potremmo vivere anche con il cuore di un altro ecco che la quadratura del cerchio si chiude. Brava mariateresa... bell'aforisma. ciaociao
  • Stanislao Mounlisky il 12/11/2011 08:25
    ma lui sei tu, non vedo dualismo. comunque bello
  • loretta margherita citarei il 11/11/2011 20:24
    bellissima meditazione
  • roberto caterina il 11/11/2011 19:11
    è proprio così.. bella descrizione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0