accedi   |   crea nuovo account

Punto di partenza: è naturale non pensarla allo stesso modo

Quando ti confronti con una persona, parti sempre dall'idea per cui se è pacifico che questa persona non sente gli odori e i sapori come te, non vede gli oggetti alla stessa maniera in cui li percepisci tu, non sente il caldo o il freddo con la tua identica sensibilità, non avverte il dolore o il piacere secondo le tue stesse sensazioni, allora non si vede perché dovrebbe pensarla anche alla tua stessa maniera!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Grazia Denaro il 03/02/2012 12:17
    Perchè dovrebbe pensarla alla stessa maniera tua? si può essere disponibili ed avere le proprie idee.
  • Nicola Lo Conte il 27/11/2011 18:43
    Esattamente. Complimenti!
    In realtà sono pochi a fare riflessioni così evidenti eppure così difficili da assorbire e mettere in pratica.
  • Andrea (le tre Botti) il 21/11/2011 20:17
    Giusto! Brava! Penso di non aver mai neanche pensato a un apersona che la pensa come me... forse perchè penso troppo o passo troppo tempo a pensare... ma quasi quasi è meglio che ci penso. Pensa te!
  • mariateresa morry il 21/11/2011 16:28
    Allora preciso con intepretazione autentica di quello che ho scritto, che io mi riferivo al confronto-confronto...
  • rea pasquale il 21/11/2011 15:53
    Cara Maria teresa, ho detto semplicemente che sa un po' di sfida.
    Il termine confronto è stato coniato per le competizioni sportive,
    nell'accezione comune viene usato anche come sinonimo di comparazione e non di dialogo.
    Ma, le persone non sono oggetti che si possono comparare, le persone si relazionano.
    Un caro saluto.
  • mariateresa morry il 21/11/2011 15:03
    Grazie dei commenti.. comunque il termine confronto è molto neutro.. in una discussione, in uno scambio di idee, credo ci si " confronti" normalmente. Anche il dizionario italiano, che sono andata subito a consultare dopo l'osservazione di Pasquale, sottolinea il carattere positivo e non di sfida del termine... grazie a entrambi
  • rea pasquale il 21/11/2011 14:45
    sono troppo d'accordo con il tuo pensiero.
    al posto della parola "confronti", che sa un po' di sfida, avrei messo relazioni oppure cooperazioni.
    Molto giusto, Bravissima.
  • Anonimo il 21/11/2011 14:02
    essere disponibili alla diversità, accettarla, cercare di capirla... sposo questa tua attenta riflessione mariateresa...
    a presto carla
  • Luigi Lucantoni il 20/11/2011 23:15
    infatti non ho detto di essere in disaccordo, è che il modo in cui ti 6 espressa non mi era parso chiarissimo, volevo capire se il succo del tuo discorso l'avevo afferrato
  • mariateresa morry il 20/11/2011 22:48
    Quello che affermi Luigi non è in contrasto con quello che ho scritto, Io descrivo un atteggiamento di approccio, che parta dalla considerazione che una persona con cui intavoliamo una discussione può avere idee diverse, quindi essere disponibili alla diversità e non pretendere tout court di avere ragione.
  • Luigi Lucantoni il 20/11/2011 22:38
    il modo migliore di descrivere una persona consiste nel fareun raffronto fra se stessi e costei, prima mentalmente e poi anche verbalmente

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0