PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Siamo occidentali!

Incontro spesso persone che mi citano testi di spiritualità indiana, oppure affascinati dal Budda o dai mantra o dal Tao. Hanno scoperto pensatori e poeti orientali e se ne innamorano, citandoli con vero interesse. Tuttavia al primo contrattempo o contrarietà, emerge la loro essenza occidentale, la vera insofferenza, una certa arroganza... Le nostre librerie pullulano di saggezza asiatica che a stento entrerà nei pori della nostra pelle!

 

4
8 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • senzamaninbicicletta il 17/12/2011 06:15
    la mia cultura orientale è costellata di veramente poche stelle, ho tentato anche col buddismo ma sono refrattario a qualsiasi forma di religione (e non mi si venga ancora a dire che il buddismo non lo è traduco così il pensiero di Morry: donne cultura e buoi dei paesi tuoi. Cioé ciò che è estremamente comprensibile in certe latitudini non è detto che lo sia in altre. Contesti e situazione non permettono un vera condivisione. Siamo tutti buddisti figli del consumo e dell'accidia da queste parti e praticare dottrine spiritualiste è pura fantasia. In compenso abbiamo grandi maestri che hanno conosciuto e conoscono la nostra realtà (quella che viviamo quotidianamente) più o meno spiritualisti. Io che sono un ignorante in materia vorrei riaffermare condividendolo il pensiero dell'autrice.
  • rea pasquale il 15/12/2011 23:57
    L'interesse per il Buddhismo è una cosa certamente positiva.
    Ovviamente essere attratti da una religione non vuol dire praticarla o sentirla in profondità
    e la saggezza non si trova certamente nei libri, bisogna conquistarla.
    Pensiero interessante e abbastanza condiviso.
    Ciao

8 commenti:

  • Luana D'Onghia il 11/02/2012 21:25
    Sono d'accordo é un problema reale. Ma non solo. Io sono un'amante della filosofia indiana, ho letto la Bhagavad-Gita (che penso sia il poema più chiaro e completo sulla cultura indiana) e molti altri testi. Ben presto ho capito, però, che in India non si trovano delle risposte (quelle, semmai, stanno dentro di noi), ma delle occasioni. Ma il mondo é pieno di occasioni! Se pensassimo un po' di più al nostro passato, alla nostra cultura! Noi, i nostri "rishi", i nostri saggi, li abbiamo dimenticati. Noi abbiamo preso i nostri rishi e ne abbiamo fatto dei libri, che mettiamo nelle biblioteche, che studiamo a scuola. Loro, invece, no: i loro rishi li vivono. L'occidente é stato pieno di grandi maestri del pensiero, anche se non più viventi, perché la modernità li ha spazzati via. Ma, di questo passo, lo farà anche in India. Quindi, non posso che essere d'accordo con questa frase. Ottima riflessione.
  • Grazia Denaro il 03/02/2012 15:10
    A volte si leggono questi libri anche per pura curiosità, per venire a conoscenza della cultura di altri popoli, l'importante non farsi contagiare dal fanatismo.
  • mauri huis il 21/12/2011 18:19
    Spero non si offenda nessuno, ma leggere sul serio i libri religiosi per me è il sistema migliore per perdere la fede.
  • vincent corbo il 17/12/2011 19:57
    Gente che sposa una religione, uno slogan, una bandiera perchè va di moda; io, ad esempio, sono affascinato come molti dal buddhismo, dall'induismo ecc., ma non al punto da sposare queste religioni.
  • Giacomo Scimonelli il 16/12/2011 15:38
    apprezzo e condivido pienamente il tuo pensiero..
  • Anonimo il 16/12/2011 11:10
    morry hai ragione a volte diventa una moda... mentre ci sono persone che come te e come me hanno cercato di capire e magari di soffermarsi su questo tipo di pensiero e di meditazione...
    Comunque cara amica credo che un vecchio proverbio che recina "le vie del Signore sono infinite" non sia fuori luogo in questo contesto, un abbraccio sincero...
  • rea pasquale il 16/12/2011 08:34
    cara Mariateresa avevo capito, la superficialità è il problema del mondo di oggi, credo che sia assolutamente giustificato il tuo risentimento.
    un caro saluto
  • mariateresa morry il 16/12/2011 08:07
    Caro Rea lamia frase nn esprime alcun disappunto per l'attenzione ad altre fonti di pensiero e di spiritualità. Tutt'altro, io stessa ho spesso approfondito argomenti di buddismo tibetano. Quello che mi infastidisce è tutta l'enfasi che certe persone ci caricano sopra, con superficialità, per dimostrare alla prima occasione di non aver capito un bel nulla dei fondamenti di quelle letture!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0