PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Superficie ed essenza

Mi piace pensare all'essere umano come a una cipolla. Per arrivare alla sua vera essenza, al cuore, devi sbucciare, sbucciare, strato dopo strato. Forse, alla fine giungerai alla verità, ma quante lacrime avrai versato lungo la strada...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Donato Delfin8 il 07/02/2012 00:36
    eh già concordo e c'è pure la puzza zigh!
    preferivo un bel cavoletto ma mi ritrovo una cima di rapa
  • Gianni Spadavecchia il 22/12/2011 16:08
    paragone interessante che però conduce ad un'ottima conclusione. Piaciuta!
  • Anonimo il 21/12/2011 15:57
    complimenti molto bella questa frase e significativa
  • vasily biserov il 21/12/2011 12:11
    Purtroppo è così veramente... non si ha più la fiducia di aprirsi, togliere la propria maschera per poi rischiare di essere ferito quindi è questo il procedimento che bisogna seguire... e può anche rivelarsi una delusione in fondo!
  • Anonimo il 21/12/2011 08:59
    Verissimo... sono un amante delle cipolle, e le coltivo... e anche per loro, come per il cuore degli uomini, ci sono più o meno strati esterni da sfogliare per arrivare al buono. Non tutte sono uguali: cipolla di tropea, lunga e tonda, cipolla fiorentina, cipolla di bassano, cipolla di giarratana, dolcissima( la puoi mangiare come una mela...)cipolla di stoccarda( aspra e con molti strati da scartare)
    Allora, pensa che fenomeno: le cipolle nordiche sono aspre, acide e con molti strati da scartare. E durano anche in inverno, non marciscono.
    Più vai a sud e più la cipolla autoctona diventa dolce, tutta buona subito... ma ahimè dura pochi mesi...è troppo dolce. Anche le persone dolci durano poco... ahimè. ciaociao
  • Chiara A. il 21/12/2011 08:36
    Bella metafora, bravo.
  • Giacomo Scimonelli il 21/12/2011 00:18
    tante... tantissime lacrime..
  • Stanislao Mounlisky il 20/12/2011 07:03
    ottima riflessione, anche originale, piaciuta. Auguri per le vicine Feste
  • rosaria esposito il 16/12/2011 21:27
    concordo pienamente con Carla... la metafora è perfetta! ma basta lacrime... buon Natale!
  • Bruno Gasparri il 16/12/2011 17:09
    Quale veritá? lacrime inutili
  • Anonimo il 16/12/2011 16:29
    bellissima metafora... molto apprezzata alessandro bravo
    tra i preferiti carla

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0