PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Matti?!

Sono anni che vivo tra matti di ogni genere e ancora oggi mi domando chi tra me o loro lo è realmente. Loro che passano la vita a guardare le mosche gironzolargli addosso o io che della mia vita non ho che un pugno di quelle mosche rinchiuse in questa mia mano.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 19/01/2012 22:00
    Davvero interessante questa considerazione. Chi si definisce normale è da considerare pericoloso. Chi è matto forse altrettanto ma la distinzione è minima, specialmente di questi tempi.
  • Donato Delfin8 il 29/12/2011 13:51
    Sintesi e immagine gradite.
    "da vicino nessuno è normale".
  • Philip il 27/12/2011 22:47
    Dicono che i pazzi rispondono di no alla domanda se lo sono. Eppure se la fanno a te credo che la risposta la stessa ovviamente.
    Chiedersi chi è il pazzo della situazione credo sia alquanto sinonimo di una mente più che aperta.
  • Giacomo Scimonelli il 25/12/2011 08:33
    riflessione profonda.. un paragone molto particolare... ma dalla tua parte ci sono questi pensieri che ti rendono libero anche di sognare... condivido il tuo pensiero

15 commenti:

  • Viky D. il 30/12/2011 14:58
    Il concetto di "normalità" è quanto meno aleatorio, oggi come oggi.
    Riflessione interessante e condivisa.
  • Anonimo il 29/12/2011 13:54
    Mi piace questa riflessione. Si apre un mondo.
  • Donato Delfin8 il 29/12/2011 13:52
    ah bè e se fossero le moschettine un po' mattiniere?
  • Donato Delfin8 il 29/12/2011 13:50
    Sintesi e immagine gradite.
    "da vicino nessuno è normale".
  • STEFANO ROSSI il 26/12/2011 22:02
    Grazie a tutti ragazzi sono contento delle vostre risposte
    augoroni.
  • Anonimo il 26/12/2011 20:55
    caro amico a me succede a volte come te... almeno quelli che noi chiamiamo matti ----le guardano e non le rinchiudono nel pugno della mano... ottimo pensiero e riflessione bravo...
  • Stanislao Mounlisky il 24/12/2011 11:19
    mi è piaciuto molto, bravo
  • loretta margherita citarei il 23/12/2011 20:53
    MOLTO APPREZZATO AUGURI
  • Massimo Genovese il 23/12/2011 19:48
    bhe anche io me lo chiedo, grande osservazione... complimenti
  • Anonimo il 23/12/2011 15:50
    se lo siamo tutti che motivo c'`di chiederlo?
  • STEFANO ROSSI il 23/12/2011 15:49
    è proprio questo il punto no? chi è realmente matto? chi siamo noi per definire matto qualcuno? penso anch'io che ognuno sia matto a modo proprio noi e il mondo è un enorme manicomio grazie
  • Anonimo il 23/12/2011 15:41
    c'e' per caso qualcuno che non e' matto a questo mondo??? in un modo o nell'altro lo siamo tutti...
  • mariateresa morry il 23/12/2011 15:37
    Sinceramente non mi pongo il problema nè dei matti nè delle mosche, e mi trovo benissimo... sai una cosa Rossi? L'importante è piacersi, piacersi come si è dentro e sentire che la nostra serenità traspare... se poi alla fine sei tu il matto o la mosca... fa nulla!!
  • STEFANO ROSSI il 23/12/2011 15:25
    Grazie Gianni
  • Gianni Spadavecchia il 23/12/2011 15:22
    Se lei si chiama matto o no lo decideranno gli altri.. Ma lei se ne deve infischiare, vada per la sua strada percorrendo il suo cammino.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0