PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Negatività umana

Mettendoci d'impegno, siamo tutti più bravi a ferire che a consolare, così come ci viene più facile soffrire che gioire.

 

5
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 21/01/2012 19:46
    l'essere umano è talmente impuro che sa ferire anche senza rendersene conto e la gioia è spesso frutto solo di una ricerca della futilità.
  • rosaria esposito il 21/01/2012 19:12
    queste cose vengono più facili agli invidiosi e a chi non crede in se stesso... a chi non si ama non ama... davvero...

4 commenti:

  • Anonimo il 24/01/2012 10:24
    come dice dostoevskij nelle memorie dal sottosuolo, l'uomo gode nel soffrire e nel ferire. non c'è soddisfazione nell'essere completamente pieni della nostra moralità. ci interessa più l'idea di positività e felicità, che la sua completa realizzazione, perchè, così facendo, non avremo più nulla da fare, nessuno scopo da perseguire. e quindi ben vengano gli scherni e la sofferenza! più umani di così...
  • Ugo Mastrogiovanni il 23/01/2012 13:04
    Una richiesta a impegnarci per un valore che dovremmo avere tutti, perché insito nella natura umana. L'etica di Alessandro è quel quid di puro non per tutti, ecco perché lo spinge a ricordarci che queste discrepanze fanno più "soffrire che gioire".
  • Anonimo il 21/01/2012 18:27
    Gioire per le sventure degli altri, direi che questo è molto più facile che soffrire per noi stessi.
  • Vincenzo Capitanucci il 21/01/2012 18:16
    Siamo capaci anche inconsciamemnte di ferire... senza renderce conto... eppure l'essenza della vita è gioia... siamo caduti in un abisso negativo.. ma magari mettendoci un po' d'ingegno... ed impegno...

    Molto bella Alessandro...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0