username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Provocazione religiosa

Per me ha ragione chi dice: se sulle sigarette è obbligatorio scrivere "NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE", allora davanti alle chiese, alle moschee ed a qualsiasi altra istituzione religiosa dell'universo mondo, bisognerebbe scrivere "LE RELIGIONI SONO L'OPPIO DEI POPOLI". Perchè è perfettamente vero, planetariamente riconosciuto e del tutto incontrovertibile che le religioni facciano male. Molto male. Alla mente ed al corpo. Quelle degli altri, naturalmente.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Paolo Villani il 20/03/2015 12:47
    L'odio è l'oppio degli atei
  • senzamaninbicicletta il 12/02/2012 16:02
    da wiki che ho rispolverato causa memoria ballerina:

    Lattanzio (250-327), ripreso anche da Agostino d'Ippona (354-430)[1], correggendo Cicerone, sostiene che la parola derivi da un altro verbo: religàre, cioè "legare, vincolare", nel significato di legare l'uomo alla divinità.

    Da questo si può desumere che il legame avvenga attraverso i sacerdoti che hanno sempre avuto il potere sui loro legati, quindi la religione è l'oppio dei popoli, ovvero la droga con cui i leader di religioni o sette affabulano i propri adepti.
    Sono daccordo con l'affermazione di Maurizio.
  • rea pasquale il 30/01/2012 09:54
    In questo mondo delle religioni, non possiamo separare l'uomo da quello che crede. Le religioni sono semplicemente programmi, di approfondimento interiore, di salvezza ecc. ecc. .
    Le religioni come tutte le attività dell'uomo possono essere edificanti e terribili allo stesso tempo.
    Anche se non appartengo ad alcuna religione, non mi sento di condividere la tua provocazione, a maggior ragione se suggerita da Sgarbi.
    Saluti

17 commenti:

  • mauri huis il 24/03/2015 05:20
    signor Villani si metta il cuore in pace. Le guerre di religione, presenti, passate e future, non le fanno gli atei. E sono la stragrande maggioranza. Gott mit uns, ricorda, o inchallah, o perchè no, anche quelle interne al cristianesimo, stragi dei valdesi, dei catari, stragi tra riforma, controriforma e altre riforme varie e assortite.
  • Anonimo il 03/10/2012 13:50
    Le religioni, purtroppo, sono più sequela di poteri religiosi che espressioni di vera fede PERSONALE. Questa è autentica solo quando sia costruzione di una coscienza libera ed appassionata del senso profondo della vita.
  • marco carlino il 14/02/2012 16:44
    pienamente d'accordo
  • Luigi Lucantoni il 09/02/2012 09:52
    WOW condivido in pieno, parole sante marithius
  • Anonimo il 31/01/2012 08:32
    vabbè... che sia l'oppio dei popoli lo sa anche l'ultimo scemo del villaggio... e allora che si fa? obblighiamo la gente a non credere in niente oppure imponiamo di scrivere sulle chiese che la religione fa male? io da agnostico dico... a me non fa nè caldo nè freddo... se a qualcuno invece fa bene e la sostituisce ad una seduta psicoterapeutica, perchè no?... non lo vedo un gran tema... ci sono medici che curano le persone con placebi... hai presente l'aria fritta? la stessa cosa... ma nessuno si lamenta di ciò... ciaociao
  • mauri huis il 31/01/2012 08:21
    Ok, capito, leviamo Sgarbi e vediamo che succede. Possibile che, parlando d'un simile tema, l'unica cosa che riuscite dire sia che se l'ha detto Sgarbi allora...
    Non sarà invece che il tema è un po', come dire, "delicato", e in giro ci sia un pochettina di coda di paglia?
    Ps: capito anche che la Fede non è la religione, ok, ma allora cosa è, o per caso siete tutti volterriani?
    Forza gente!
  • Anonimo il 31/01/2012 07:20
    Da Agnostico dico che le religioni possono essere anche l'oppio dei popoli, pur che non si trasformino in qualcosa di più grave. Quello che dice Sgarbi per me è aria fritta... lui è uno che in una sana discussione con il sottoscritto si prenederebbe un bel cazzotto in bocca... non lo farei parlare per un bel po' anche a costo di rimetterci. farei volentieri anche sei mesi di galera per avere questa soddisfazione... in prigione mi dedicherei a tempo pieno al nostro amato PR... ahahah...
  • Bianca Moretti il 30/01/2012 21:39
    Guarda, proprio perchè l'ha detto Sgarbi mi verrebbe voglia di rimettermi a fumare come una turca, giusto per il gusto di andargli contro... il guaio è che mi farei troppo danno! Allora, lo si potrebbe mettere addosso a lui un bel cartello : NUOCE GRAVEMENTE AL SISTEMA NERVOSO, solo così potrei riuscire a calmare il mio. Per la seconda parte dell'aforisma non mi esprimo perché non ho nulla da dire... Ciao Mau
  • mauri huis il 30/01/2012 15:13
    Io invece non mi faccio mancare niente, anche se ormai ci vado di rado. Ma c'è brava gente anche là sai. Manca un filtro, d'accordo, però è uno strumento eccezionale. Tornando al tema del testo non sono proprio d'accordo con te. Non darei sempre la colpa al potere temporale, o alle sue degenerazioni, anzi...
  • mariateresa morry il 30/01/2012 14:50
    Caro Mau, per fortuna non frequento nè leggo FB, che detesto. Oramai suppongo che solo una piccola banda di disadattati sociali non sia dentro il gran caldierone di FB...
  • mauri huis il 30/01/2012 12:43
    Bè, una provocazione tale è. E in questo Sgarbi è un maestro, oltre che nell'arte. poi basta così. Ma in realtà la frase non è sua, ma mia, si trova su fb in mio album di sett 2010 (foto, filippiche e intemerate) ma è ancora precedente. Io l'ho ritrovata in un suo articolo oggi e quindi l'ho ripresa.
    ps: io parlo delle religioni. Degli altri.
  • mariateresa morry il 30/01/2012 12:10
    Aggiungo, visto che il giorno della Memoria è passato da poco, che lo scopo del Nazismo non era soltanto quello di cancellare dalla faccia della terra l'Ebraismo e l'antico Testamento, ma qualsiasi altra fede, la Cristiana subito dopo. Infatti HITLER fece chiudere i seminari cattolici e protestanti. Certamente ogni dittatura mira ad una sola religione che è quello dello Stato in sè. IO comunque rivendico il diritto alla mia fde e lo riconosco ovviamente a tutti gli altri, anche a chi non vuole credere in nulla...
  • mariateresa morry il 30/01/2012 12:05
    Le FEDI NON SONO LE RELIGIONI.. con il secondo concetto ci si riferisce alla struttura esteriore di un credere, con tutta una serie di sovrastrutture che possono anche tal volta non essere affatto in linea con i principi di fede... Non dimentichiamo che Cristianesimo si deve il principio dell'uguaglianza degli uomini, del rispetto e dell'amore verso il prossimo... L'utilizzo politico o comunque di potere della religioni a scopo di guerre e reprssioni, non dioende dalle Fedi, ma dagli uomini. potrei parlare per ore di questo argomento, ma non voglio tediare nessuno. Da Sgarbi poi, tranne che per la storia dell'arte, non accetto alcun precetto o suggerimento. Ciao Mau
  • Anna Rossi il 30/01/2012 11:39
    in parte hai ragione. ma non bisogna generalizzare, le religioni le creano gli uomini e gli uomini sono quelli che sono. credere riguarda tutta un'altra dimensione. investe la spiritualità di ciascuno, ovviamente liberamente e consapevolmente vissuta, mai imposta al prossimo tuo considerato come vero fratello. 1ciao a Mau, e 1 bravo
  • mauri huis il 30/01/2012 11:09
    Una cosa non è meno vera se la dice un antipatico, e solo la prima frase è sua.
    Ricambio i saluti
  • Mara il 30/01/2012 09:11
    Anch'io condivido. Per me l'unica religione è l'amore, in tutte le sue forme, anche per credere in quello bisogna avere fede e non farsi troppe domande!
  • karen tognini il 30/01/2012 08:47
    Condivido in pieno...
    bravissimissimo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0