username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'ansia

Il vento dell'ansia è il più pericoloso. Navigare a ridosso necessario. L'ansia, quella che ti rode dentro, che non ti fa star fermo, non ti fa sentir la musica, né leggere, né osservare, la senti partire dalla testa attraversare il collo e far battere il cuore e poi via dentro le vene ed i muscoli fino alle mani; si, proprio quella, la devi battere lì sul pensiero quando è ancora nella testa ed agita la vela, la devi battere con un sogno, un sogno capace di farti volare via, sopra questa vita così tanto provvisoria e tante volte prigioniera di un corpo ammalato.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Francesca La Torre il 07/06/2012 22:39
    comprendo perfettamente cio' che scrivi, mi sono fatta dominare dall'ansia per una vita intera, solo ora ho deciso di combatterla, ce la sto mettendo tutta, ma devo dire che cio'che mi aiuta e' aver preso coscienza che tocca tutti e non solo me. spero di non tornare indietro:devo vivere a tutti i costi, non ho altra scelta!
  • karen tognini il 04/03/2012 08:40
    Si Giorgio.. ne so qualcosa... l'ansia è come un campanellino attaccato all'anima... suona piano... ma si agita moltissimo a volte propio senza motivo...
    Ci si convive male...
    meglio farla volare via... la devi battere con un sogno, un sogno capace di farti volare via, sopra questa vita così tanto provvisoria e tante volte prigioniera di un corpo ammalato.
  • Elisabetta Fabrini il 02/03/2012 19:22
    L'ansia è una brutta malattia... non si controlla... ti fa star male.
    Sei molto sensibile, bravo!
  • Anna G. Mormina il 19/02/2012 18:14
    ... sono perfettamente d'accordo con te Giorgio, spazzare via quell'ansia che opprime, avere la forza di creare un sogno capace di farti volare via!!!... bravo, complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0