username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Società, il più grande dei mali

La società è il più grande male che abbia mai afflitto l'umanità insieme con la religione. Una uccide i suoi istinti e tarpa le sue ali, l'altra lo riempie di rimpianti e lo costringe ad una vita in ginocchio

 

2
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Giovanni Carrieri il 07/09/2013 13:21
    hai ragione, anonimo commentatore, è un grande male il vedere solo nero ma, forse, lo sforzarsi di vedere il bene anche la dove v'è male, lasciando cosi prosperare e crescere quello stesso male ignorato, è addirittura peggio..
  • Anonimo il 09/04/2013 13:12
    Il più grande male per me è vedere di qualsiasi cosa solo l'aspetto negativo.
  • Giovanni Carrieri il 12/05/2012 11:37
    da nichilista dovresti concordare che noi, come razza, ci vantiamo di comprendere e di poter controllare ciò che ci circonda come poi, effettivamente, non è. realtà è solo uno dei tanti nomi figli del nulla che l'uomo ha dato ad ogni cosa.. cos'è reale? noi siamo reali? questi mali sono reali e dunque impossibili da debellare? a mio parere no... diciamo che sono realtà inevitabili, ma non è che una scusa dietro la quale nascondere la nostra pigrizia, cosi da non doverci adoperare per cambiare le cose... tutto ciò che chiamiamo realtà non è che polvere... quando il vento l'avrà spazzata via di essa rimarrà soltanto il nome, e nient'altro...
  • Luigi Lucantoni il 26/02/2012 15:44
    io sono un nichilista, il tuo auspicio non posso accoglierlo
  • Giovanni Carrieri il 26/02/2012 14:08
    esatto l'estinzione è quanto di meglio l'uomo potrebbe fare! ma ti pare giusto? a me pare che di scelta ne abbiamo. siamo cosi forti, intelligenti, ispirati ed intraprendenti, e ciò nonostante continuiamo ad essere palesemente condannati. è come correre contro una spada per anni senza mai nemmeno immaginare di voltare strada.. è ridicolo. cene stiamo con il sedere sprofondato nei divani senza fare nulla.. se le cose son fatte per rimanere cosi, allora mi auguro davvero che la nostra fine giunga prima che ci sia concesso d'arrecare danno irrimediabile a questo bellissimo mondo... ma sinceramente credo che qualcosa potremmo fare, c'è molta gente di grande coscienza, serve solo che ci si svegli tutti e si dica basta..
  • Luigi Lucantoni il 25/02/2012 11:37
    io sono del parere che la natura umana si asempre la stessa e che ogni epoca ha i suoi mali, se ci estingueremo ciò non potrà che giovare agli altri organismi viventi
  • Giovanni Carrieri il 24/02/2012 13:20
    sono realtà esasperate. sarà vero che è utopica l'idea di vivere senza di esse, ma ciò non toglie come queste ci stiano uccidendo. abbiamo vissuto per secoli e secoli senza quella che chiamiamo "società moderna", e le religioni altro non sono che le invenzioni di alcuni potenti per ammansire i popoli. e non venite a dire che si vive meglio oggi! sono la nostra società e il nostro cieco seguitare (indotto dalle religioni) che stanno portando questo mondo alla malora.. è il nostro attuale modo di vivere a non essere realistico! un utopia dell'incubo, e non cene renderemo conto mai realmente finché non ci saremo uccisi da soli.. e allora lo avremo meritato eccome! il mondo è fatto di utopie, e di utopie realizzate è stata tappezzata ogni singola era. quando tutti dicevano "siamo arrivati, questo è quanto" c'era sempre qualcuno che rispondeva "no, questo non è il nostro arrivo, di strada da fare ne abbiamo ancora molta, ed ecco, io vi svelo la nostra nuova via". non dobbiamo divenire dei pigri arresi. io ripudio ogni dio e ogni guinzaglio, ripudio la carriera e tutti i nuovi "scopi di vita". io non sono ne mai sarò una pedina sacrificata in questo macchinoso sistema giuridico-religioso che chiamiamo realtà e di cui abbiamo la faccia tosta di vantarci e sentirci fieri! altro che razza superiore, siamo gli unici stolti capaci d'avvelenarsi da se, di rendersene conto, e di continuare poi a farlo.. io non voglio prendere parte a tutto questo, e non lo farò mai.
  • Luigi Lucantoni il 22/02/2012 10:14
    sono realtà di fatto, non possono non esserci, è utopico esprimersi così

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0