PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il mondo ha bisogno dei poeti

Ci sono poeti che cantano l'amore, taluni la passione e i sensi ; ci sono poeti che cantano la natura, i fatti, la crudezza e persino i condannati a morte. Poeti per l'ingiustizia, per la vendetta e per la nostalgia... Il mondo ha bisogno dei poeti, essi non sono mai abbastanza, per quanto l'Umanità scivoli nell'oblio.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

5 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 18/12/2012 02:08
    La poesia: La poesia è come l'amore. Quasi tutti imparano a conoscerla, solo pochi riescono a comprenderla in profondità e nessuno sa dire cosa sia con esattezza.


    Il poeta: Il vero poeta è colui la cui vita stessa è una poesia, essa si nutre della sua anima, e se lui non ne possiede una, lei, la poesia, muore di fame e sete.


    L'umiltà: Un poeta che non sa cos'è l'umiltà rischia di idolatrare così tanto le sue poesie fino al punto di trascurare e sottovalutare quelle altrui, anche senza leggerle, e questo (a mio parere) non è per niente poetico né, tantomeno, etico.


    Poeta si nasce o si diventa? Senza la poesia il poeta morirebbe prima di nascere!


    Sì, il mondo ha bisogno dei poeti, essi non sono mai abbastanza, per quanto l'Umanità scivoli nell'oblio.


    Faccio i miei complimenti all'autrice e mi auguro che continui a scrivere altre frasi di questo tipo.
  • STEFANO ROSSI il 24/02/2012 13:27
    verissima!
    Per commentare questa cosa mi ci vorrebbero 3 pagine, quante cose da dire, ma ho poco spazio e non intendo rubarlo a nessuno. Ti posso dire solo che è un ottima riflessione ma chi siamo noi per definirci poeti? sono gli altri che ce lo devono dire, penso!
  • PIERO il 23/02/2012 21:48
    Mah! Siete proprio così sicuri tutti quanti?
    Io ho un po' l'impressione che i poeti siano come le religioni.
    L'uomo crede di averne bisogno perché gli "spiegano" l'inspiegabile, poi le religioni si alleano con il potere e glielo mettono in quel posto.
    I poeti volano alto e non si sporcano con le questioni terra terra di tutti i giorni, delegando queste ai tecnici, che ci fanno su un bel governo e ce lo mettono, pure loro, lì.
    Sia chiaro che la critica è anche una autocritica, non mi chiamo fuori, per quanto non sia un poeta, ma - come dice Giacomo - un "manovale della scrittura"
  • rea pasquale il 22/02/2012 22:09
    Vero, il mondo ha bisogno dei poeti come di ogni altra forma d'arte. Per sconguirare l'oblio, ogni attività dell'uomo dovrebbe trarre origine dall'ispirazione.
    Un saluto
  • Gianni Spadavecchia il 22/02/2012 17:42
    Giustissima osservazione che mostra come il mondo non sia mai troppo ricco di poeti.

13 commenti:

  • rea pasquale il 27/02/2012 18:49
    Ciao Piero
    Ho apprezzato molto il tuo commento iniziale e in parte l'ho condiviso. Non sono insensibile ai temi sociali, ma a volte li evito, forse perché io stesso sono sempre stato un povero diavolo, e per questo apprezzo molto ogni forma d'arte che può esprimere chi non possiede nulla.
    Un saluto
  • PIERO il 27/02/2012 16:38
    Accetto e apprezzo le "bacchettate" di Pasquale e Mariateresa: chi, come me, non pratica il campo della poesia, dovrebbe mantenere un atteggiamento più rispettoso verso un ambito che non conosce bene. Ammiro la vostra passione.
  • mariateresa morry il 27/02/2012 14:52
    Vorrei tornare qua, senza entrare nelle cose altrui, per inserire un pensiero di Ungaretti che dice una grande verità sulla poesia:
    "Non so se la poesia possa definirsi. Credo e professo che sia indefinibile, e che essa si manifesti nel momento della nostra espressione, nel quale le cose che ci stanno più a cuore, che ci hanno agitato e tormentato di più nei nostri pensieri, che più a fondo appartengono alla ragione stessa della nostra vita, ci appaiono nella loro più umana verità; ma in una vibrazione che sembra quasi oltrepassare la forza dell'uomo, e non possa mai essere né conquista di tradizioni né di studio, sebbene dell'una e dell'altro sia sostanzialmente chiamata a nutrirsi".
  • mariateresa morry il 24/02/2012 13:55
    Giusto Rossi, infatti io non detto che i poeti siamo noi... la frase è riferita AI poeti e basta!
  • mariateresa morry il 24/02/2012 08:56
    CAro Piero, i poeti non sono affatto come le religioni ( nè tanto meno si alleano con il potere, anzi spesso ne sono perseguitati.. ti dicono niente Rafael Alberti? Garcia Lorca? lo stesso Oscar Wilde...). Non spiegano assolutamente nulla a nessuno, essi sono voci libere, forse aiutano a vedere e ad interpretare profondamente sentimenti e realtà, ma non impongono nulla a nessuno. Come dice Rea - che saluto - la poesia è una forma di arte, universalmente riconosciuta come tale ( indipendenmtemente dal fatto che un singolo poeta possa piacere o meno) e forma espressiva che l'uomo produce senza alcuna materia o strumento, se non se stesso. Poichè l'arte è libera ed essa è libertà, l'uomo di essa ha bisogno per essere davvero uomo, in un mondo dove materialismo, rivalità, ansia di potere ( tanto per citare qualche aspetto) e prepotenza della tecnica , prevalgono, omologano e schiacciano le coscienze. Non spetta al poeta fare il politico, anche se quello che egli scrive può essere fortemente politico ( vedi Pasolini).
  • rea pasquale il 24/02/2012 08:39
    Caro Piero non bisogna generalizzare, molti poeti hanno vissuto e vivono pienamente il proprio tempo guardando anche in basso, nelle fogne, tra i malati ecc.
    Riguardo all'utilità della poesia, forse è vero, serve a poco, ma nulla si perde tutto viaggia se è autentico.
    Saluto tutti
  • Anonimo il 22/02/2012 20:35
    sorry "abbastanza" la fretta...
  • Anonimo il 22/02/2012 20:34
    ... non sono mai abastanza... il poeta è colui che si sofferma a guardare un fiore e ne decanta la bellezza, il profumo... il vero poeta è colui che racconta le bellezze del mondo con umiltà ... valore che non è più di moda... bella morry
  • Andrea Pezzotta il 22/02/2012 19:56
    letta e vissuta, non posso che trovarmi d'accordo con questa osservazione, i poeti rendono il mondo più luminoso
  • Anonimo il 22/02/2012 18:34
    Tutti siamo poeti in fondo, ma non lo ammettiamo perché non ne siamo capaci.
    Apprezzata e piaciuta...
  • mariateresa morry il 22/02/2012 18:04
    Loretta, credo tu sia troppo ottimista; certamente io posso anche non essere un poeta, ma se " tutti" gli uomini fossero poeti, il mondo non sarebbe al punto in cui è. Scrivere poi non è essenziale, certo. Però io mi riferivo alla poesia che circola, che si legge, e che faccia discutere, riflettere...
  • rosaria esposito il 22/02/2012 17:46
    è... o'0 vero...
  • loretta margherita citarei il 22/02/2012 17:35
    vero, ma tutti gli uomini sono poeti anche senza scrivere

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0