username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La dieta

Doppo che ho rinnegato pasta e pane,
so' dieci giorni che nun calo, eppure
resisto, soffro e seguito le cure...
me pare 'n anno e so' du' settimane.
Nemmanco dormo più, le notti sane,
pe' damme er conciabbocca a le torture,
le passo a immagina' le svojature
co' la lingua de fòra come un cane.
Ma vale poi la pena de soffrì
lontano da 'na tavola e 'na sedia
pensanno che se deve da morì?
Nun è pe' fa' er fanatico romano;
però de fronte a 'sto campa' d'inedia,
mejo morì co' la forchetta in mano!

 


8 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • maria angela carosia il 04/05/2016 14:39
    Davvero formidabile
  • il 01/01/2013 21:13
    Se mori co la forchetta in mano, ma se non mori... so' cazzi acidi!
  • ELISA DURANTE il 20/06/2011 10:19
    A morte la "prova costume" !
  • GUIDO EDOARDO ORBELLI il 30/09/2010 16:24
    Grande Aldo. come ti capisco, io ho sempre fame e peso kg. 103! ti dò pianamente ragione
  • Ettorina Gerbelli il 27/08/2010 21:44
    Grande Fabrizi! Aveva e ha proprio ragione.
  • Laura cuoricino il 04/07/2010 15:32
    Grande Aldo!' Da Lassù ce starai a guardà ridendo pè stì dilemmi su la dieta'!!, sei stato veramente un bravo attore, un interprete di uno spaccato quotidiano efficace e simpaticone come nella tua poesia che mi ha strappato una bella risata!!
  • il 09/06/2010 15:43
    Giusto dilemma, la dieta è dura, chissà se realmente ne vale la pena!
  • il 02/04/2010 02:33
    Grande Fabrizi. La crassa romanità, il figlio di Trimalcione!