PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lieve offerta

Vorrei che la mia anima ti fosse
leggera
come le estreme foglie
dei pioppi, che s’accendono di sole
in cima ai tronchi fasciati
di nebbia -

Vorrei condurti con le mie parole
per un deserto viale, segnato
d’esili ombre -
fino a una valle d’erboso silenzio,
al lago -
ove tinnisce per un fiato d’aria
il canneto
e le libellule si trastullano
con l’acqua non profonda -

Vorrei che la mia anima ti fosse
leggera,
che la mia poesia ti fosse un ponte,
sottile e saldo,
bianco -
sulle oscure voragini
della terra.

5 dicembre 1934

 


5 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • egidio il 01/01/2016 16:42
    Antonia Pozzi ha scritto bellissime poesie che esprimono un amore intenso per la vita, un elevarsi lieve, pur nella consapevolezza piena della morte, del soffrire.
  • ELISA DURANTE il 12/08/2011 17:52
    La poesia come ponte tra il poeta e gli esseri umani, il mondo...
  • il 27/12/2009 07:41
    Bellissimo commento, Filippo! Concordo pienamente... bellissima poesia.
  • Donato Delfin8 il 21/12/2009 22:05
  • il 21/12/2009 01:12
    Tutta la poesia è impregnata dell'idea di leggerezza: l'anima è detta leggera, le ombre esili, l'aria è un fiato. Anche l'immagine del ponte rimanda alla sospensione, dunque alla levità. A tutto ciò si oppongono le voragini della terra, dette oscure. Qui c'è l'idea del basso, della pesantezza. La poesia è quel che vince la pesantezza della terra, la sua voragine perchè è ponte. La leggerezza è presente anche nel modo in cui è rappresentato il ponte: sottile e di colore bianco.