username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

poesie di Antonio De Curtis (Totò)

Ti piace Antonio De Curtis (Totò)? Fallo sapere ai tuoi amici
 

PoesieRacconti non dispone ancora di note descrittive su Antonio De Curtis (Totò). Sei un appassionato di Antonio De Curtis (Totò)? Contribuisci tu stesso inviandoci una nota biografica


Pagine: 12345

La Donna

Chi l'ha criata
è stato nu
grand'ommo
nun ' o vvoglio sapé,

chi è stato è stato;
è stato 'o Pateterno?

E quanno, e comme?

Ch'avite ditto? 'O fatto d' 'a custata?
ma ' a femmena è ' na cosa troppo
bella,
nun 'a puteva fa cu' 'a custatella!

Per carità, non dite fesserie!
mò v' 'o ddich'io comm' è stata criata:

è stato nu lavoro' e fantasia,

è stata 'na magnifica trovata,

e su questo non faccio discussione;
chi l'ha criata è gghiuto 'int' 'o pallone!
Totò





Che me manca!

I' tengo 'e llire, nun me manca niente,
me pozzo accattà chello ca me piace:
na statua d'oro, nu vapore argiento...
palazze, ville... case in quantità.
- Chi è cchiù felice 'e te?! - mme dice 'a ggente.
- Si ricco, si guaglione... che te manca? -
E chest' è overo, nun me manca niente.
Sulo na cosa mme vurria accattà...

Nu core... tutto core 'e tennerezza
ca me vulesse na muntagna 'e bbene...
ca me sbattesse 'mmano p' 'a priezza,
cuntento pe mme dà 'a felicità.

Dipende a me; nun voglio aspettà ancora.
Tuzzuliaje a porta 'e na figliola:
- Che t'aggia dà pe m'accattà stu core?
Qualunque prezzo, dì, che t'aggia dà? -

Me rispunnette cu bella maniera:
- 'O core nun se venne... se riala...
crediteme, ca io ve sò sincera...
cu 'e llire 'o core nun se po' accattà!



Riflessione

'A verità vurria sapè che simme
'ncopp' a sta terra e che rappresentamme:
gente e passaggio, furastiere simme;
quanno s'è fatta ll'ora ce ne jammo!



Balcune e llogge

Comme a na reggia, ricca e capricciosa,
ammubbigliaie sta casa 'e tutt' 'e ccose
che saccio che piacevano a sta sposa,
balcune e llogge carrecate 'e rose;
'ncoppa 'o buffè cunfiette e sciure 'e sposa,
Ch'addore 'e sciure 'arancio pe sta casa!
Sta casa c'addurava 'e mille rose,
che festa dinto a ll'aria s'era spasa!

Balcune e llogge carrecate 'e rose.
Mo sò rimasto sulo into a sta casa;
mme guardo attuorno e veco tutt' 'e ccose,
ma 'a sposa nun ce stà stà fore casa.

È morta... Se n' è ghiuta 'mparaviso!
Pecchè nun porto 'o llutto? - Nun è cosa,-
rispongo 'a ggente e faccio 'o pizzo a rriso,
ma dinto 'o core è tutto n'ata cosa!



Essa

Me sceto a matina
cu ll'uocchie te cerco addò staje; duorme...
vicino a me a suonno chino
te guardo: si bella!
Cu st'uocchie 'nchiuse,
cu stu pizzo 'a riso
si tale e quale a n'angelo
che sonna 'o paraviso.



Il fine dicitore

"Ninì Santoro, il fine dicitore,
maestro di eleganza e di maniere,
il re del music-hall, il gran signore,
debutta questa sera al Trianon".
Guardanno 'o manifesto, chi liggeva
penzava: certo chisto è n'artistone.
Tenevemo st'attore? E chi 'o ssapeva!
Stasera stessa mm' 'o vaco a ssentì.

C' 'o tubbo, 'a caramella e nu bucchino
d'avorio giallo, luongo miezo metro;
un fazzoletto bianco nel taschino,
ncuollo nu frack 'e seta blummarè

Tutt' 'o teatro illuminato a giorno,
na marcia trionfale comm' "Aida",
Santoro ascette e cu na faccia 'e corne
pareva ca diceva: "Eccomi qua!

Mo v'aggia fa vedè chi è Santoro,
il fine dicitore, il fantasista
ca quanno arape 'a vocca caccia ll'oro,
oro colato 'e primma qualità".

'O pubblico ansioso s'aspettava:
chi sa mo ch'esce 'a vocca a stu Santoro.
Ma ch'era ascì... Santoro 'ncacagliava,
faceva smorfie, zumpe e niente cchiù.

Nun fernette nemmeno 'o riturnello
d''o primmo raccuntino d'avventure,
quann'uno arreto a me: "Santò, si bello!"
('Ndranghete!) E allazza nu pernacchio 'e nuvità.

Fuie cumm'a nu signale 'e na battaglia,
mancava poco e nce scappava 'o muorto:
'e sische mme parevano mitraglia.
Santoro nun putette continuà.

"Ll'artista" se facette 'a mappatella:
'o frack, 'o tubbo, 'o fazzuletto bianco,
s'annascunnette pure 'a caramella.
Dicette: "Aggio sbagliato,.. Ch'aggia fa?".

Trent'anne so passate 'a chella sera
che il fine dicitore fantasista
pe fforza avette chiudere 'a carriera
a beneficio dell'umanità.

Aiere steva scritto into 'o giurnale che:
"dopo varii e lunghi appostamenti
è stato assicurato un criminale
alla Giustizia delle Autorità".

E chi era, neh, stu disgraziato?
Santoro... il dicitore fantasista,
ca, pe magnà, al furto s'era dato
o pover'ommo pe putè campà.

Io penso che fu l'epoca sbagliata;
trent'anne fa tutto era n'ata cosa.
Oggi che il nostro gusto s'è cambiato
Santoro fosse

[continua a leggere...]



Donna Amalia

V'aggia spià na cosa Donn'Amà:
vurria sapè pecchè quanno ve veco,
la capa mia nun po' cchiù raggiunà.
Si me parlate, 'mpietto 'a voce vosta,
m'arriva comme n'arpa, nu viulino;
quanno rerite sento 'e manduline:
na sinfunia 'e Betove e di Sciopè.
Che v'aggio ditto... niente Donn'Amà!
Quanno cu st'uocchie vuoste me guardate,
me sento tutto 'o sango e friccecà.
'O core fa na sosta, nun cammina;
me dice chiano chiano sottovoce:
- Dincello a Donn'Amalia... è bella, è ddoce!...
i' tengo 'o desiderio 'e ma spusà. -



Viola d'ammore

Pe nun me scurdà 'e te aggio piantato
dint'a nu vase argiento, na violetta
cu 'e llacreme 'e chist'uocchie l'aggio arracquata
e ll'aggio mise nomme: "Oh mia diletta!".
E songhe addeventato 'o ciardiniere
'e chesta pianta... simbolo d'ammore
"Oh dolce violetta del pensiero...
... he mise na radice int'a stu core!".



Gli uocchi tuoj

Gli uocchi tuoj che cangnano’ culore
song bell’ ognj mumenti,
song tutt’ sentiment’.
Sì ridono s’appicciano
come due fiamme ardentì,
song’ stelle lucenti cha’ tienì
in’ fronte tu.



Si fosse n'auciello

Si fosse n'auciello, ogne matìna
vurria cantà 'ncoppa 'a fenesta toja:
" Bongiorno, ammore mio, bongiorno, ammore! "
E po' vurria zumpà 'ncoppa 'e capille
e chianu chiano, comme a na carezza,
cu stu beccuccio accussì piccerillo,
mme te mangiasse 'e vase a pezzechillo...
si fosse nu canario o nu cardillo.





Pagine: 12345