username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Torrente

Spumeggiante, fredda,
fiorita acqua dei torrenti,
un incanto mi dai
che più bello non conobbi mai;
il tuo rumore mi fa sordo,
nascono echi nel mio cuore.
Dove sono? Fra grandi massi
arrugginiti, alberi, selve
percorse da ombrosi sentieri?
Il sole mi fa un po' sudare,
mi dora. Oh questo rumore tranquillo,
questa solitudine.
E quel mulino che si vede e non si vede
fra i castagni abbandonato.
Misento stanco, felice
come una nuvola o un albero bagnato.

 


5 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giusy Grasso il 26/10/2012 18:39
    La natura ci restituisce l'amore per la vita, la gioia per le piccole cose ma tanto grandi agli occhi del cuore.
  • YURI STORAI il 17/03/2011 01:58
    sono d'accordo, è un momento di immersione e di felicità
  • Giacomo Scimonelli il 24/07/2010 18:15
    stanco come una nuvola e felice come un albero bagnato... questa è poesia..
  • il 17/06/2010 09:08
    L'essere umano nel contatto con la natura ritrova le sue origini primitive e per questo motivo si sente a casa, felice e appagato dal solo fatto di respirarla e l'autore in quest'opera esprime molto bene il concetto paradisiaco che la natura offre.
  • il 27/04/2010 13:36
    Bellissima. Quante volte a contatto con la natura, soli con noi stessi, abbiamo avuto lo stesso senso di serena felicità!