username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

I' ho sì gran paura di fallare

I' ho sì gran paura di fallare
verso la dolce gentil donna mia,
ch'i' non l'ardisco la gioia domandare
che 'l mi' coraggio cotanto disìa;

ma 'l cor mi dice pur d'assicurare,
per che 'n lei sento tanta cortesia,
ch'eo non potre' quel dicere né fare,
ch'i' adirasse la sua segnoria.

Ma se la mia ventura mi consente
ch'ella mi degni di farmi quel dono,
sovr'ogn'amante viverò gaudente.

Or va', sonetto, e chiedile perdono
s'io dico cosa che le sia spiacente:
ché, s'io non l'ho, già mai lieto non sono.

 


2 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • rosaria esposito il 10/06/2011 21:41
    ... Or va' sonetto, e chiedile perdono...
  • marilena il 24/07/2010 13:04
    timido e tenero amante, che gentilezza e cortesia accompagnano il suo corteggiamento e il suo silenzioso soffrire