username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Un uccello azzurro

nel mio cuore c'è un uccello azzurro che
vuole uscire
ma con lui sono inflessibile,
gli dico: rimani dentro, non voglio
che nessuno ti
veda.

nel mio cuore c'è un uccello azzurro che
vuole uscire
ma io gli verso addosso whisky e aspiro
il fumo delle sigarette
e le puttane e i baristi
e i commessi del droghiere
non sanno che
lì dentro
c'è lui

nel mio cuore c'è un uccello azzurro che
vuole uscire
ma io con lui sono inflessibile,
gli dico:
rimani giù, mi vuoi fare andar fuori
di testa?
vuoi mandare all'aria tutto il mio
lavoro?
vuoi far saltare le vendite dei miei libri in
Europa?

nel mio cuore c'è un uccello azzurro che
vuole uscire
ma io sono troppo furbo, lo lascio uscire
solo di notte qualche volta
quando dormono tutti.
gli dico: lo so che ci sei,
non essere
triste

poi lo rimetto a posto,
ma lui lì dentro un pochino
canta, mica l'ho fatto davvero
morire,
dormiamo insieme
così col nostro
patto segreto
ed è così grazioso da
far piangere
un uomo, ma io non
piango, e
voi?

 


6 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Matteo Iammarrone il 17/01/2012 20:13
    .. Io piango, caro Charles... grazie ai tuoi versi immensi!
  • Roberto Fontana il 05/11/2011 12:31
    La più bella poesia di Bukowski.
  • vincenzo rubino il 10/06/2011 23:16
    geniale... forse chi cerca la metrica e le "inforchettature" potrebbe storcere il naso ma Bukowski è anima pura presa e servita cruda su una scodella di ferro... geniale.
  • il 08/08/2010 18:51
    Meglio come scrittore!


    A. R. G
  • il 30/11/2009 15:54
    Scritta allo stesso modo dei racconti, senza far uscire l'uccello azzurro. Lui l'ha pubblicata come poesia solo perchè ogni tanto andava a capo... tra una boccata e l'altra.
  • il 30/11/2009 15:52
    Credibile... una volta raggiunto il successo devi mantenere la parte.