username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La madre vergine

Mio piccolo amore, mia cara,
una soglia eri per me,
e uscir mi facevi dai confini
in questa terra straniera dove
come cardi s'affolla la gente,
seppur piacevole a vedersi e decorosa.

Mio piccolo amore, mia carissima,
per due volte mi hai generato:
una del ventre tuo, dolce madre,
l'altra dall'anima, libero
per rendermi d'ogni cuore, mia diletta,
libero d'entrare in tutti i cuori.

E così, mio amore, madre mia,
sempre ti sarò fedele.
Due volte son nato, mia carissima:
in te, alla vita e alla morte
ed è questo l'aldilà della vita
dove son io fedele.

Ti bacio nell'addio, mia cara,
ora son diverse le nostre vie;
tu un seme sei nella notte,
un uomo io, che deve arare
la difficile terra del futuro
per far germogliare il seme.

Ti bacio nell'addio, mia cara,
qui è finita tra noi.
Oh, foss'io calmo come tu sei,
dolce e quieta nella tua bara!
Dio! Dio! non dovessi lasciarti
sola, mia diletta.

È stata detta l'ultima parola ormai?
Pronunciato è l'addio?
Dammi la forza di lasciarti
ora che sei morta.
Debbo andare, ma senza speranza resta
l'anima mia al tuo letto accanto.

 


2 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ELISA DURANTE il 22/07/2011 18:21
    Un addio pieno d'amore. Davvero commovente!
  • Dora Forino il 11/05/2011 19:37
    Una lirica dedicata alla mamma, scritta con tanto sentimento.
    Commovente!
    Dora