username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

In un momento

In un momento
Sono sfiorite le rose
I petali caduti
Perché io non potevo dimenticare le rose
Le cercavamo insieme
Abbiamo trovato delle rose
Erano le sue rose erano le mie rose
Questo viaggio chiamavamo amore
Col nostro sangue e colle nostre lagrime facevamo le rose
Che brillavano un momento al sole del mattino
Le abbiamo sfiorite sotto il sole tra i rovi
Le rose che non erano le nostre rose
Le mie rose le sue rose

P. S. E così dimenticammo le rose.


(per Sibilla Aleramo)

 


8 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Aldo Occhipinti il 21/08/2012 23:06
    la più dolce lirica dell'ultimo vero poeta
  • Salvatore Mercogliano il 12/06/2012 21:09
    un viaggio poetico che sa di rosa ed amore...
  • il 15/10/2011 15:42
    Questo viaggio chiamavamo amore. . . Un verso a me molto caro.
  • Massimo Migliore il 12/04/2011 14:45
    Davvero struggente e intensa, come tutte le sue opere.
  • YURI STORAI il 23/03/2011 09:28
    tormentata e sdolcinata allo stesso tempo... anche semplicina se vogliamo.
  • Laura cuoricino il 15/08/2010 21:11
    Un momento che ha visto sfiorire un amore come le rose!
    Dolorosa, ma bella.
  • il 28/11/2009 00:21
    Molto tormentata, come del resto il "maledetto" Campana!
  • loretta margherita citarei il 06/03/2009 07:47
    tormentata storia con la bellissima sibilla, meraviglioso e struggente questo addio