PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Eduardo De Filippo

Ti piace Eduardo De Filippo?  


Pagine: 1234

A paura mia

Tengo nemice? Faccio 'o paro e sparo...
'E t tengo mente e dico: «Stongo ccà! »
E nun tremmo si sent' 'e di: «Te sparo! »
Chillo c' 'o ddice, '0 ddice, nun '0 ffà.
Si è p' 'o buciardo, nun me movo, aspetto.
('A buscia corre assaie, ma campa poco).
'O vuò vedè? '0 canusce comm' 'o «sette»,
va pè parlà, se fa una lamp' 'e fuoco.
'A calunnia? E chella «è un venticello»,
dico vicin' a 'o viento: «Nun sciuscià? »
Quann'ha fatt' 'a sfucata vene 'o bello,
allor' accuminciamm' a raggiunà.
E manco 'a morte, si me tene mente,
me fa paura. ' A morte è generale.
Ll'uommene sò rumanze differente,
ma tènen' una chiusa, unu finale.
M'arròbbano? Arreduco mmiez' 'a via?..
J' fatico e addevento chillu stesso,
ma, quanto voglio bene a mamma mia,
a mme me fa paura sul''o fesso!



'E mmargarite

Na margarita 'o nnammurato 'a coglie
e a' sfronna... Si, ma no cumme facc'j'...

Me faccio 'o cunto, conto tutt' 'e ffoglie
e so' sicuro ca me dice: "Si!"

E tutt' 'e juorne, faccio 'o sulitario,
ne saccio tante, a modo mio, gnorsì.

Si nun me torna, si vene cuntrario,
j'mbroglio 'c ccarte e' o faccio dì ca sì.

Si 'o sulitario 'o faccio senza mbroglie,
che dice tu? Putesse riuscì?

E si 'a sfrunnasse senza cuntà 'e ffoglie,
faie tu c' 'a margarita dice: "Si?"



'a seggia

'A primma pazziella
ca cchiù te piace e ca te dà cchiù gioia...
e ca pirciò t' 'a danno
... è 'a siggiulella.
Tiene n'anno
e capisce ch'è 'a toja.
Nun parle ancora,
e pure:
guaie chi 'a tocca.
Tutt' 'a stessa mesura,
no una chiara e una scura:
songo tutte tantelle
' e ssiggiulelle
d''e piccerille e d''e piccerenelle.
Pò addeventa siggione,
pò se trasforma a sseggia;
e nun t' 'a danno cchiù:
te ll'j' a piglià.
Ma nun songo cchiù eguale,
nonzignore.
Ce sta chella mpagliata,
lucida 'e pulitura,
mpellicciata
e allustrata;
e chella adderittura
c' 'a spallera ndurata,
tapezzata 'e velluto.
Dint' 'a cantina
o ncopp' 'o Tribunale,
addò s'assett' 'a Legge;
dint' a nu vascio, dint' a dò barbiere,
a Palazzo Riale,
dint'a dò pasticciere,
ce truov' 'e seggie.
E mmiez' 'e seggie, 'a seggia,
chella ca tu vulisse:
'a pazziella
d''e piccerille
gruosse.



'a fenesta

E tengo na fenesta a pianterreno,
c'affaccia int' a na strafa scanusciuta;
cu n'aria profumata, e na veduta,
ca si t'affacce, nun t' 'a scuorde cchiù.
Si stongo 'e buonumore, affacci' a mmare,
e veco semp' 'o stesso bastimento
ca parte chin' 'e fede e sentimento,
e c' 'a bandiera d''a sincerità.
Parte ciuro, e nun arriva maje.
Quanno s'abbìa, sabbìa c' 'o maistrale;
ma ncòccia sempre 'o stesso tempurale,
'o stesso maletiempo, e adda turnà!
Quanno senza speranza, e senz'ammore
m'affaccio e vec' 'o stesso bastimento,
nce mengo dinto 'o core mio scuntento,
e c' 'o mare ntempesta dico: "Va".
Quann'è bontiempo, ognuno è marenaro
e se vulesse mettere a temmone...
C' 'o mare ncalma, tutte songo buone
'e purtà nu vapore a passià.
Miéttece a buord''o bene ch' 'e vuluto,
e tutt' 'o chianto amaro ch'è custato...
Nisciunu bastimento s'è affunnato
quanno ce' 'e miso a buordo 'a Verità.



Penziere mieje

Penziere mieje, levàteve sti panne,
stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.
Si nun tenite n'abito sicuro,
tanta vestite che n'avit' 'a fa?

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,
e si facite folla, cammenate.
Si sentite strillà, nun ve fermate:
nu penziero spugliato 'a folla fa.

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,
e quanno 'e piede se sò cunzumate:
un'ànema e curaggio, e ve menate...
nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.
Ce sta sempe nu tizio canusciuto,
ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...
e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

-------

Pensieri miei, levatevi queste panni
Stracciatevi la camicia e uscite nudi.
Se non avete un abito sicuro,
che farsene di tanti vestiti?

Andatevene spogliati per le strade,
e se fate folla, camminate.
Se sentite strillare, non fermatevi:
un pensiero spogliato fa la folla.

Correte sulla cima di una montagna,
e quando i piedi si sono consumati:
un'anima e coraggio, e vi gettate...
serrando gli occhi, prima di gettarvi!

Che vi trovano nudi? Non fa niente.
Ci sta sempre un tizio conosciuto,
che non lo dice... che resta muto...
e che vi veste, prima di sotterrarvi





Pagine: 1234

Potrebbero interessarti anche

Libri di Eduardo De Filippo

Le poesie
 
commenti0