username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

A paura mia

Tengo nemice? Faccio 'o paro e sparo...
'E t tengo mente e dico: «Stongo ccà! »
E nun tremmo si sent' 'e di: «Te sparo! »
Chillo c' 'o ddice, '0 ddice, nun '0 ffà.
Si è p' 'o buciardo, nun me movo, aspetto.
('A buscia corre assaie, ma campa poco).
'O vuò vedè? '0 canusce comm' 'o «sette»,
va pè parlà, se fa una lamp' 'e fuoco.
'A calunnia? E chella «è un venticello»,
dico vicin' a 'o viento: «Nun sciuscià? »
Quann'ha fatt' 'a sfucata vene 'o bello,
allor' accuminciamm' a raggiunà.
E manco 'a morte, si me tene mente,
me fa paura. ' A morte è generale.
Ll'uommene sò rumanze differente,
ma tènen' una chiusa, unu finale.
M'arròbbano? Arreduco mmiez' 'a via?..
J' fatico e addevento chillu stesso,
ma, quanto voglio bene a mamma mia,
a mme me fa paura sul''o fesso!

 


1 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vale t il 27/02/2011 15:43
    Aveva proprio ragione... dovrebbe essere obbligatorio nelle scuole studiare E. De Filoppo