username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Valore

Considero valore ogni forma di vita, la neve, la fragola, la mosca.
Considero valore il regno minerale, l'assemblea delle stelle.
Considero valore il vino finché dura il pasto, un sorriso involontario,
la stanchezza di chi non si è risparmiato, due vecchi che si amano.
Considero valore quello che domani non varrà più niente e quello
che oggi vale ancora poco.
Considero valore tutte le ferite.
Considero valore risparmiare acqua, riparare un paio di scarpe,
tacere in tempo, accorrere a un grido, chiedere permesso prima di sedersi,
provare gratitudine senza ricordare di che.
Considero valore sapere in una stanza dov'è il nord,
qual è il nome del vento che sta asciugando il bucato.
Considero valore il viaggio del vagabondo, la clausura della monaca,
la pazienza del condannato, qualunque colpa sia.
Considero valore l'uso del verbo amare e l'ipotesi che esista un creatore.
Molti di questi valori non ho conosciuto

 


4 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • bernardina il 12/05/2016 12:47
    Hai messo dentro, per intero, il "senso della Vita" in questi versi.. lo abbiamo perso ed in larga parte.. purtroppo!
  • vale t il 18/03/2011 22:12
  • Elena Tonengo il 25/12/2010 21:00
    Le Forme di Vita, le Cose, le Azioni, i Sentimenti, l'Amore, le Esperienze, le Decisioni, le Scelte, la Moderazione e la Misura... I valori della Vita che fanno scoprire la Vita.
    Una Poesia che vive.
  • il 07/12/2010 14:30
    Una poesia piena di pensiero e di umanità. La pazienza del codannato, qualsiasi sia la colpa è un valore. Sono tutti valori che il nostro mondo non riconosce come tali: riparare un paio di scarpe, l'umiltà. la disponibilità: accorrere a un grido. Il disinteresse: provare gratitudine senza ricordare di che. Certe scelte di vita estreme: il viaggio del vagabondo, un viaggio che non conduce da nessuna parte, che non è compiuto in vista di un fine da raggiungere, la clausura di una monaca. il rispetto verso gli altri: chiedere permesso prima di sedersi.