username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Corno inglese

Il vento che stasera suona attento
-ricorda un forte scotere di lame-
gli strumenti dei fitti alberi e spazza
l' orizzonte di rame
dove strisce di luce si protendono
come aquiloni al cielo che rimbomba
(Nuvole in viaggio, chiari
reami di lassù! D' alti Eldoradi
malchiuse porte!)
e il mare che scaglia a scaglia,
livido, muta colore
lancia a terra una tromba
di schiume intorte;
il vento che nasce e muore
nell' ora che lenta s' annera
suonasse te pire stasera
scordato strumento,
cuore

 


3 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • marilena il 27/12/2010 19:27
    SULLA BELLEZZA DI QUESTA POESIA NON HO MAI AVUTO DUBBI E RILEGGERLA LA RENDE ANCORA PIù AFFASCINANTE
  • il 27/12/2010 18:32
    Non si può commentare nulla. Si può dire solo che è bellissima...
  • marilena il 17/09/2010 18:48
    scusate nel testo c'è un errore, leggete "pure" al posto di pire