username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Spesso il male di vivere

Spesso il male di vivere ho incontrato:
era il rivo strozzato che gorgoglia,
era l'incartocciarsi della foglia
riarsa, era il cavallo stramazzato.
Bene non seppi, fuori del prodigio
che schiude la divina indifferenza:
era la statua nella sonnolenza
del meriggio, e la nuvola, e il falco alto levato.

 


7 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • francesco cannas il 13/12/2015 14:41
    versi bellissimi che esprimono la tristezza del poeta
  • patrizia chini il 01/03/2015 23:40
    Nel primo verso tutta la profondità, la tristezza del poeta di fronte al dolore del mondo. Si sente forte la sua partecipazione, la sua condivisione con i più sfortunati:
    "Spesso il male di vivere ho incontrato"
  • il 14/04/2013 21:59
    Adoro chi fa parlare le cose tutte con il linguaggio denso e profondo dell'anima propria ed anche loro. Amo tanto la poesia di Montale. In essa stasera ho sentito il bisogno di rifugiarmi, sfinita com'ero dall'ascolto di rozzi colloqui politici.
  • Michele Loreto il 22/10/2012 04:57
    Nel denso e gravido silenzio della natura, le "cose" sembrano abbandonarsi, come se fossero sul punto di rivelare il "segreto " della loro elementare presenza, lasciando intravedere " il punto " o " il filo " da cui sdipanare il misterioso e incomprensibile disegno dell'esistenza. Come ha scritto Guglielminetti, " la tematica povera di Montale si rivela capace d'insospettabili aperture metafisíche. La scelta di argomenti minori, in altri termini, è in funzione della loro allusività al significato ultimo dell'esistenza: la ricerca d'una verità che sia in grado di rendere ragione delle pause e degli intervalli in cui si libera talora la vita autentica della Natura".
  • Alessia Lombardi il 25/06/2012 14:14
    Versi di incontrastata bellezza.. stupenda!!
  • myatyc myatyc il 17/02/2010 19:01
    il dolore universale... magnifica.
  • il 24/11/2009 20:39
    che versi... che profondità... magnifica!!!