username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Fiume Sand Creek

Si sono presi i nostri cuori sotto una coperta scura
sotto una luna morta piccola dormivamo senza paura
fu un generale di vent'anni, occhi turchini e giacca uguale
fu un generale di vent'anni, figlio di un temporale
c'è un dollaro d'argento sul fondo del Sand Creek

I nostri guerrieri troppo lontani sulla pista del bisonte
e quella musica distante diventò sempre più forte
chiusi gli occhi per tre volte, mi ritrovai ancora lì
chiesi a mio nonno: "è solo un sogno?", mio nonno disse "Sì"
a volte i pesci cantano nel letto del Sand Creek

Sognai talmente forte che mi uscì il sangue dal naso
il lampo in un orecchio, nell'altro il paradiso
le lacrime più piccole, le lacrime più grosse
quando l'albero della neve fiorì di stelle rosse
ora i bambini dormono nel letto del Sand Creek

Quando il sole alzò la testa sulle spalle della notte
c'erano solo cani e fumo e tende capovolte
tirai una freccia al cielo per farlo respirare
tirai una freccia al vento per farlo sanguinare
la terza freccia cercala sul fondo del Sand Creek

Si son presi i nostri cuori sotto una coperta scura
sotto una luna morta piccola dormivamo senza paura
fu un generale di vent'anni, occhi turchini e giacca uguale
fu un generale di vent'anni, figlio di un temporale
ora i bambini dormono nel letto del Sand Creek.

 


4 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • VANNA CAVACIOCCHI il 03/08/2011 16:15
    La dolcezza di fondo che c'è nelle canzoni di De Andrè ti colpisce dritto al cuore. Questa canzone poi, con la tematica così terribile che rappresenta mi tiene così avvinta che, ogni volta che l'ascolto piango. Grazie De Andrè, grazie di farci sentire umani.
  • K. Lear il 30/04/2011 17:52
    dietro la "civiltà" occidentale ci si dimentica troppo spesso cosa c'è dietro: se dalle nostre parti la ricchezza ha consentito una conflittualità limitata, in certe parti del mondo la colonizzazione ha significato solo morte
  • Me Stessa il 18/01/2011 15:57
    Ogni volta che ascolto questa canzone è sempre commuovente come se la ascoltassi per la prima volta. Musica, parole e tantissime emozioni.
  • rosanna erre il 17/11/2010 00:28
    "chiesi a mio nonno: è solo un sogno?, mio nonno disse: sì"...
    quanta umanità sempre nei versi di De Andrè