username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Apri a chi non bussa alla tua porta

Se qualcuno un giorno bussa alla tua porta,
dicendo che è un mio emissario,
non credergli, anche se sono io;
ché il mio orgoglio vanitoso non ammette
neanche che si bussi
alla porta irreale del cielo.
Ma se, ovviamente, senza che tu senta
bussare, vai ad aprire la porta
e trovi qualcuno come in attesa
di bussare, medita un poco. Quello è
il mio emissario e me e ciò che
di disperato il mio orgoglio ammette.
Apri a chi non bussa alla tua porta

 


11 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • alta marea il 13/01/2012 14:06
    Che spettacolo!!!! mi ha emozionato tantissimo.
  • giovanni serafini il 06/06/2011 13:05
    credo che Pessoa voglia andare oltre le umane debolezze e il superamento dell'orgoglio... molto più in alto.. e la via è quella consueta di Pessoa, il fascino dell'assurdo che si trasforma in essenza poetica.
  • giancarlo milone il 01/06/2011 00:31
    Immenso, emozionante, mi rivedo in questa poesia, quando il mio orgoglio non mi permette di chiedere, di confrontarmi con il mondo, ma allo stesso tempo aspetta che qualcuno lo comprenda
  • giovanni serafini il 17/01/2011 17:43
    adoro lo stordimento delle poesie di fernando.. e la magia imprevedibile e profonda dei suo pensieri. Non una poesia nota ma una delle più coinvolgenti.
  • il 10/05/2010 14:54
    divino... adoro questo poeta
  • il 15/12/2009 02:39
    raccogli ciò che ti vien donato senza che nulla ti venga chiesto in cambio... arriva direttamente dal cuore e non porta delirio o smarrimento... solo un sorriso e un abbraccio... splendida, grazie.
  • Donato Delfin8 il 02/11/2009 16:05
    Bellissima.
  • roberto volpe il 01/11/2009 19:26
    grazie
  • Roberta Berardi il 01/11/2009 11:15
    Immagino un amico, dall'orgoglio troppo grande, che non sa come chiedere scusa. Non ha bisogno di intermediari, confida in un'amicizia che possa andare oltre, in un amico che sappia riconoscere il suo dolore senza sentirglielo gridare.
  • roberto volpe il 01/11/2009 10:18
    non l'ho capita, chi parla?
  • Roberta Berardi il 01/09/2009 10:49
    Mai come in questo momento ho amato questa poesia!