username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Tutte le lettre d'amore

Tutte le lettere d'amore sono
ridicole.
Non sarebbero lettere d'amore se non fossero
ridicole.

Anch'io ho scritto ai miei tempi lettere d'amore,
come le altre,
ridicole.

Le lettere d'amore, se c'è l'amore,
devono essere
ridicole.

Ma dopotutto
solo coloro che non hanno mai scritto
lettere d'amore
sono
ridicoli.

Magari fosse ancora il tempo in cui scrivevo
senza accorgermene
lettere d'amore
ridicole.

La verità è che oggi
sono i miei ricordi
di quelle lettere
a essere ridicoli.

(Tutte le parole sdrucciole,
come tutti i sentimenti sdruccioli,
sono naturalmente
ridicole).

 


3 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • AlfaCentauri il 01/06/2013 19:27
    me ra vi glio saaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
  • tylith il 06/02/2012 23:21
    Questa è una delle poche poesie in cui Pessoa si prende gioco di se stesso e anche dell'amore. Egli stesso scrisse lettere d'amore per Ophelia, la figlia del Tabaccaio protagonista di Tabacheria e il suo amore non fu corrisposto. Purtroppo Pessoa visse una vita frustrante sia lavorativamente parlando che sentimentalmente, era un uomo timido molto schivo che dava il meglio di se stesso quando scriveva. Di giorno impiegato "anonimo" in un ufficio di import export e di notte uno dei migliori poeti che il Portogallo ebbe la fortuna di annoverare tra il proprio patrimonio culturale. Dopo la sua morte fu ritrovato un "baule" con dentro gli eteronimi creati dal poeta, gli eteronimi erano dei veri e propri personaggi per i quali Pessoa inventò la vita e la storia in tutti i dettagli possibili e immaginabili. Gli eteronimi che si riscontrano "ufficialmente" sono almeno 5 e tutti usano uno stile diverso. Ricardo Reis pare sia il"padre spiritale" di tutti loro. Io adoro Albet Caeiro per la sua genuità, era un contadino. Vi lascio alla lettura di questo grande poeta e ringrazio tutti coloro che hanno avuto la pazienza e la voglia di leggere le mie modeste righe.
  • il 07/01/2010 19:53
    E si ci si accorge sempre dopo di essere ridicoli. !!!!