username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La canzone del bambino nel vento - Auschwitz

Son morto con altri cento, son morto ch' ero bambino,
passato per il camino e adesso sono nel vento e adesso sono nel vento...

Ad Auschwitz c'era la neve, il fumo saliva lento
nel freddo giorno d' inverno e adesso sono nel vento, adesso sono nel vento...

Ad Auschwitz tante persone, ma un solo grande silenzio:
è strano non riesco ancora a sorridere qui nel vento, a sorridere qui nel vento...

Io chiedo come può un uomo uccidere un suo fratello
eppure siamo a milioni in polvere qui nel vento, in polvere qui nel vento...

Ancora tuona il cannone, ancora non è contento
di sangue la belva umana e ancora ci porta il vento e ancora ci porta il vento...

Io chiedo quando sarà che l' uomo potrà imparare
a vivere senza ammazzare e il vento si poserà e il vento si poserà...

Io chiedo quando sarà che l' uomo potrà imparare
a vivere senza ammazzare e il vento si poserà e il vento si poserà e il vento si poserà..

 


6 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Glauco Ballantini il 26/09/2013 15:07
    Anni dopo ne compose un altra "Lager" sullo stesso tema, sulla banalità del male, ed il destino che in qualche maniera ci saranno sempre "prima per chi perde/ poi chi vincerà/ uno ne finisce/ un altro sorgerà/ sempre per il bene dell'umanità/ (..)
  • il 01/08/2010 21:47
  • Dolce Sorriso il 21/01/2010 22:30
    sempre commovente e bella
    grande Francesco
  • Roberta P. il 22/10/2009 17:16
    La prima volta che l'ho sentita è stata quando è uscita dalla bocca di mia mamma, e avevo qualcosa come sette anni... indimenticabile!
  • il 25/04/2009 21:17
    Mi commuove sempre...
  • francesco verducci il 20/02/2009 20:58
    Grande Francesco, il primo che ha avuto il coraggio di scrivere canzoni sull'olocausto.