username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il canto del destino

Voi che lassù vi aggirate nella luce
sul soffice suolo, o beate divinità!
Rilucenti, divini aliti
lievemente vi sfiorano,
come dita d'artista
le sacre corde.
Indifferenti al fato, come addormentati
poppanti, respirano gli abitatori del cielo;
castamente custodito
in piccola gemma
fiorisce per sempre
per loro lo spirito,
e gli occhi, beati,
guardano nel calmo
eterno chiarore.

 


6 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • il 09/12/2011 18:29
    Adoro Holderlin, la sua pazzia e la sua poesia respirano la stessa aria...
  • ELISA DURANTE il 22/07/2011 18:19
    Mi rammenta dei versi di Epicuro...
  • il 02/09/2010 10:44
    peccato solo una poesia di questo favoloso poeta...
  • il 03/05/2010 13:23
    Nulla ha un senso... e tutto ha un senso...
  • giancarlo milone il 22/08/2009 05:29
    la poesia è bella, ma quando nè cerco il senso mi perdo... parla di destino e poi definisce le divinità indifferenti al fato...
    non capisco
  • loretta margherita citarei il 06/03/2009 07:49
    piacevole