username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Natale

Non ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade.
Ho tanta
stanchezza
sulle spalle.
Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata.
Qui
non si sente
altro
che il caldo buono.
Sto
con le quattro
capriole
di fumo
del focolare.

 


16 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Emiliano Francesconi il 04/11/2014 10:21
    Parole che toccano e rimangono impresse nella pelle e ella testa!!!! Un modo d'essere di ognuno di noi descritto in maniera inarrivabile!!! Meravigliosa!!! Grazie maestro!!
  • Emiliano Francesconi il 19/11/2013 16:26
  • Emiliano Francesconi il 19/11/2013 16:17
  • Davide Romano il 05/09/2012 09:59
    la posata sola e dimenticata all'angolo... straordinaria metafora!
  • Rocco Michele LETTINI il 23/02/2012 09:40
    Versi d'altri tempi, che ti prendono e ti riportano a respirare aria lontana, aria non malsana... Altrimenti, è dovere essere lasciati in un angolo nascosto, a piangere un presente non definibile ed a rimpiagere un passato che non torna, con le sue gioie, e senza il depresso quotidiano.
  • ELISA DURANTE il 09/08/2011 06:59
    Il caldo buono... le quattro capriole di fumo... poco basta per trovare una pace che fuori, nel mondo, non c'è...
  • SALVATORE ROMEO il 02/05/2011 18:49
    Si ha come la sensazione di rivivere un'antichissima serenità, il caldo buono della lontana infanzia, l'atmosfera del Natale d'altri tempi! Il Natale della nostra vita!
  • il 28/04/2011 22:56
    La mia preferita. Mi ricorda la mia infanzia
  • Francesco Bertello il 18/04/2011 19:05
    Il caldo buono e le capriole di fumo di un camino sono il momentaneo rifugio dalle incertezze e i tormenti della vita, estrinsecati in un gomitolo incomprensibile di strade.
  • Donato Delfin8 il 16/03/2011 00:50
    ottima.
  • rosaria esposito il 15/03/2011 17:18
    ... con le quattro capriole di fumo, e con l'albero carico di vergognosi orpelli.
  • Alessio Cosso il 28/01/2011 16:24
    ... quante volte mi sono sentito così... nessuna voglia di muovermi, solo di starmene li, a pensare al fumo che viaggia nel cielo fino a dissolversi in cielo anche lui...
  • Giuseppe Tiloca il 07/01/2010 15:07
    Mi ricordo quando presi in prestito dalla scuola un libro che conteneva le poesie di ungaretti, spettacolari, daltronde una che mi ha colpito di più... è questa.
  • simona ghezzi il 30/11/2009 17:53
    Questa è una poesia. Questo è un sentimento puro. Quando leggo le sue opere percepisco ogni sua emozione.
  • roberto volpe il 29/10/2009 06:46
    Ogni sua parola rimane scalfita nell'anima.
  • il 30/09/2009 16:02
    Sublime!