accedi   |   crea nuovo account

Poesie di Hafiz

Ti piace Hafiz?  


Ero perso

Ero perso con lo sguardo verso il mare
Ero perso con lo sguardo nell'orizzonte,
tutto e tutto appariva come uguale;
poi ho scoperto una rosa in un angolo di mondo,
ho scoperto i suoi colori e la sua disperazione
di essere imprigionata fra le spine
non l'ho colta ma l'ho protetta con le mie mani,
non l'ho colta ma con lei ho condiviso il profumo e le spine tutte quante.

   2 commenti     di: Hafiz




SHAMSEDDIN MOHAMMAD HAFIZHafiz nasce fra il 1320 e il 1325 a Shiraz, nell'Iran sud-centrale.. Possiede una memoria straordinaria. Conosce a memoria non solo il Corano, ma anche molte opere di mistici sufi, come Attar, Rumi e Nizami. Innamorato di una ragazza che sta per andare in sposa di un principe, decide di trascorrere 40 notti in preghiera sulla tomba di Baba Kuhi. Baba Kuhi aveva promesso che se qualcuno fosse stato in grado di vegliare per 40 notti sulla sua tomba, gli avrebbe esaudito qualsiasi desiderio. Di giorno compie il proprio lavoro che consiste nel consegnare del pane ai clienti per conto di un panificio. Dopo 40 notti Hafiz è esausto. Improvvisamente gli appare un angelo che gli chiede quale fosse il suo più grande desiderio. Hafiz ne rimane così abbacinato da dimenticare la ragazza e dichiara, invece, di desiderare solo Dio. Dopo tale esperienza incontra il santo Attar, e ne diviene discepolo. Continua a lavorare per il panificio. Spesso, durante questo lavoro, ha delle visioni mistiche: Vede Dio sotto forma di una donna d'incredibile bellezza. Ciò intensifica il suo amore per Dio. Intorno ai 20 anni si sposa, ma il suo amore più grande rimane quello per Shak-e Nabat, cioè verso Dio nel Suo aspetto maternoTrascorre la vita lavorando e pregando. Ma Dio sembra sfuggire al suo desiderio di unione. Hafiz continua a cercarlo. Definisce questa sua ricerca "un inseguimento"! Lo sforzo per raggiungere l'unione con Dio continua per decenni. All'età di 60 anni decide di trascorrere altri 40 giorni e notti in meditazione. Ancora una volta, dopo tale evento, rivede il proprio maestro Attar che gli porge una simbolica coppa di vino. E finalmente, in uno stato di profondissima estasi, raggiunge la Coscienza Cosmica, cioè l'unione finale con Dio. Il suo inseguimento è finito! Muore all'età di 69 anni..