username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

vicinanza

Quando spesso, piccina mia,
mi diventi, io non so come, estranea;
quando ci confondiamo tra la folla
a me si soffoca ogni gioia.
Ma quando è buio e quiete intorno a noi,
dei tuoi baci ancor mi riconosco.

 


4 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giulia Aurora il 29/12/2013 12:32
    Certo veder le sottigliezze non è dei grandi
  • Carlo Diana il 13/05/2012 21:23
    credo si tratti di particolare sensibilità: la presenza degli altri vissuta come intralcio fra sè e la sua "bambina". Elogio dell'esclusiva
  • A. SOFIA il 22/02/2010 13:18
    i veri poeti non sono mai compresi...
  • Francesco Scardone il 12/02/2010 17:46
    non mi piace proprio goethe