username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il guscio rotto

In caso di male
hai chiesto cremazione
perché il male
smettesse di mangiare
noi siamo quelli
che hanno sibilato sì o no
a brochure di bare
non c'era bisogno
di fare pace tra noi
quando la cerea spianata frontale
confermava che le guerre
erano tutte inventate

ancora una volta
hai avuto troppo coraggio
ancora una volta
hai deciso tu
chiedendoci regali
per le infermiere
dei tuoi ultimi orgogli
e poi avviarti
i medici con le mani aperte
i mesi scivolati a terra
il guscio rotto

ancora una volta
hai avuto l'ultima parola
cercando di non sporcare
non suonando mai
il campanello del reparto
confessando alla suora
e bestemmiando fino in fondo
che non ti andava di morire
e poi zittirci che avevi sonno
proprio nel giorno della Madonna

 


3 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • il 03/05/2011 13:55
    Un epitaffio memorabile... grande Luciano, grande
  • Annamaria Ribuk il 03/09/2010 23:25
    la grande sensibilità di un poeta...!
  • il 29/01/2010 16:55
    Pubblicata da me. Ligabue... lui e le sue poesie, semplicemente uniche. BELLISSIMA. Scritta per il cugino che è morto. Hai concerti di solito, prima di cantar la canzone "Lettera a G" (una delle mie preferite), legge questa poesia. Il guscio rotto.