username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La ballata del marinaio

Un marinaio in mezzo al mare
con una barca ed un cannone.
È andato là per fare la sua guerra
ad un nemico che non ha mai visto,
con sé ha portato il ritratto di una donna,
con qualche lettera, con i suoi sogni.

Un marinaio in mezzo al mare,
con un nemico da mandare a fondo.
Gli han detto che il nemico è uno strano essere
che non ha cuore, che non sa parlare,
gli han detto che chi ha dei sogni da difendere
deve combattere contro il nemico.

Un marinaio in mezzo al mare,
il suo nemico ormai è andato a fondo,
però qualcosa è rimasto sulle onde
e lui va a vedere cosa mai può essere:
trova il ritratto di una donna e qualche lettera:
sogni di un uomo andato a fondo.

 


5 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Glauco Ballantini il 26/09/2013 16:24
    Tenco e De Andrè, lo stesso tema della "guerra di Piero", due nemici che dovevano combattere dalla stessa parte, ovviamente contro chi ce li ha mandati.
  • il 15/10/2011 19:25
    Mi piacerebbe vederla pubblicata su un testo delle scuole medie.
  • Donato Delfin8 il 16/04/2011 23:13
    Favolosa.
    concordo con i commenti.
  • Giacomo Scimonelli il 02/04/2011 06:24
    mai dimenticare che siamo tutti uomini... più divento grande e più mi rendo conto che la guerra è una grande stronzata
  • Davide De Maria il 20/10/2010 10:46
    In guerra la nazione tende a creare una figura stereotipata del nemico (un mostro da disprezzare) per rappresentare la guerra come uno scontro tra la civiltà e la barbaria.
    Il marinaio di Luigi capisce di aver ucciso solo un uomo come lui, con i suoi sogni, qualche lettera, e una donna da qualche parte che lo sta aspettando. Grande Luigi! Canzone (purtroppo) sempre attuale...