username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sei la mia schiavitù sei la mia libertà

Sei la mia schiavitù sei la mia libertà
sei la mia carne che brucia
come la nuda carne delle notti d' estate.

Sei la mia patria
tu, coi riflessi verdi dei tuoi occhi
tu, alta e vittoriosa.

Sei la mia nostalgia
di saperti inaccessibile
nel momento stesso in cui ti afferro.

 


8 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ada Piras il 08/05/2015 17:10
    Sublime... ogni volta mi commuove
  • Vincenzo amendolara il 10/03/2011 18:08
    che altro aggiungere..
    ... stupenda e dolorosa verità... 5 stelle!
  • Tullia Miele il 23/09/2010 11:32
    Superbo poeta e grande conoscitore delle pene inflitte dalla passione estrema! L'amore senza sofferenze nn sarebbe vero xché l'uomo ha bisogno di sentirsi triste x apprezzare la felicità!
  • Tullia Miele il 23/09/2010 11:31
    Superbo poeta e grande conoscitore delle pene inflitte dalla passione estrema! L'amore senza sofferenze nn sarebbe vero xché l'uomo ha bisogno di sentirsi triste x apprezzare la felicità!
  • Laura cuoricino il 27/06/2010 12:57
    è l'idealizzazione del ritrovamento con l'adorata moglie, è passione, amore desiderio che brucia sublimato in questa astrazione mentale! Ce ne fossero uomini che amano così intensamente!, oltre le barriere, le difficoltà...!
  • Federica. il 31/05/2010 20:29
    Troppo profonda.. È stupenda!
  • Giovanni Ibello il 13/04/2010 14:31
    visione onirica... quante poesia ha isprato anche me!
  • il 07/01/2010 20:44
    Ricerca infinita di un amore precluso