username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Io di più non posso darti

Io di più non posso darti.
Non sono che quello che sono.
Ah, come vorrei essere
sabbia, sole, in estate!
Che tu ti distendessi
riposata a riposare.
Che andando via tu mi lasciassi
il tuo corpo, impronta tenera,
tiepida, indimenticabile.
E che con te se ne andasse
sopra di te, il mio bacio lento:
colore,
dalla nuca al tallone,
bruno.
Ah, come vorrei essere
vetro, tessuto, legno,
che conserva il suo colore
qui, il suo profumo qui,
ed è nato tremila chilometri lontano!
Essere
La materia che ti piace,
che tocchi tutti i giorni,
che vedi ormai senza guardare
intorno a te, le cose
- collana, profumi, seta antica -
di cui se senti la mancanza
domandi: Ah, ma dov'è?.
Ah, come vorrei essere
un'allegria fra tutte,
una sola,
l'allegria della tua allegria!
Un amore, un solo amore:
l'amore di cui tu ti innamorassi.
Ma
non sono che quello che sono.

 


4 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • patrizia chini il 25/07/2013 12:55
    "ma non sono che quello che sono" davanti all'amore mettiamo a nudo noi stessi, per donarci per quello che siamo. L'amore ci rende veri e sinceri
  • AngelAlien il 03/01/2012 00:23
    Com'è fatale l'ultimo verso, endemica la sofferenza di esser questo e questo soltanto, magnificato dal totale anelito dell'amore
  • il 05/09/2010 02:27
    Siamo il meglio per chi ci ama. Lylly
  • Laura cuoricino il 06/07/2010 16:19
    Ah l'amore!..'Ma non sono che quello che sono'.., in fondo vorremo sempre apparire al meglio per chi amiamo.