accedi   |   crea nuovo account

Poesie di Rafael Alberti

Ti piace Rafael Alberti?  


Pagine: 12

I bimbi di Extremadura

I bimbi di Extremadura
vanno scalzi.
Chi ha rubato le loro scarpe?
Li ferisce il caldo e il freddo.
Chi ha strappato i loro vestiti?
La pioggia
bagna loro il letto e il sonno.
Chi demolì la loro casa?
Non sanno
i nomi delle stelle.
Chi chiuse la loro scuola?
I bimbi di Extremadura
sono seri.
Chi fu che rubò i loro giochi?

   2 commenti     di: Rafael Alberti


Treno amore

Un'altra patria, insonne, non la mia,
d'altro timbro e metallo, gode e illumina
il profilo in rapida penombra
bq. della tua fotografia.

Profilo incerto, annunzio illuminato
seguito da mia ombra che s'affanna
a ridurre la luce di finestra
bq. ad un quadretto nero.

Chiaroscuro vano, un vano duello
che vendicativo spezza lo spazio,
che interrompe un abbraccio fuggitivo
bq. del tuo e mio anelito.

In nessuna stazione, ombra sfuggita
di tua fissa prigione, in nessun punto
tu berrai la luce. T'incita accanto,
bq. ma quanto è lontana!

   0 commenti     di: Rafael Alberti


Coprimi, amore, il cielo della bocca

Coprimi, amore, il cielo della bocca
con codesta rapita spuma estrema,
che è gelsomino sapido ed ardente,
germogliato in corallo della roccia.

Amore rendi folle il suo sapore,
il lancinante tuo supremo fiore,
in diadema piegando il suo furore
slabbrato dal garofano mordente.

Oh misurato fluire, amore, oh bel
gorgogliar temperato della neve
in tanto angusta grotta in carne viva,

per rimirar come il tuo fine collo
fa scivolare, amore, grande pioggia
di gelsomini e stelle di saliva!

   1 commenti     di: Rafael Alberti


Primo Ricordo

Passeggiava con l'abbandono di giglio che mediti,
o quasi d'uccello che sappia di dover nascere.
Senza vedersi si guardava in una luna a cui il sogno faceva da specchio,
in un silenzio di neve che innalzava i passi.
Affacciata a un silenzio.
Era anteriore all'arpa, alle parole, alla pioggia.
Non sapeva.
Bianca alunna dell'aria,
tremava con le stelle, con il fiore e con gli alberi.
Il suo stelo, la verde sua cintura.
Con le mie stelle
che, di tutto ignoranti,
per scavar nei suoi occhi due lagune
lei in due mari annegarono.

E ricordo...

niente più: morta, sparire.

   1 commenti     di: Rafael Alberti


L'Angelo buono

Venne quello che amavo,
quello che chiamavo.
Non quello che spazza cieli senza difese,
astri senza capanne,
lune senza patria,
nevi.
Nevi di quelle cadute da una mano,
un nome,
un sogno,
una fronte.
Non quello che ai suoi capelli
legò la morte.
Quello che io amavo.
Senza graffiare i venti,
senza ferire foglie né muovere cristalli.
Quello che ai suoi capelli
legò il silenzio.
Per scavarmi, senza farmi male,
una riviera di luce dolce nel petto
e rendere la mia anima navigabile.

   0 commenti     di: Rafael Alberti




Pagine: 12