username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Preghiera per l'Eroe

Il più giovane, il più forte
con il sangue sulla faccia
e la croce delle braccia
disarmate dalla morte,
fu sepolto in questo prato
con le stelle di soldato,
senza bara né sudario,
senza un fiato di preghiera,
sotto un po' di terra nera
che somiglia al Tuo Calvario.
Diciott'anni andò alla guerra
e sua madre l'aspettò.
Or non ha più gente in terra
che gli dica un paternostro
e il suo nome scritto a inchiostro
sotto il sol si cancellò.
L'ha falciato la mitraglia
come un filo d'erba dritto:
era un giovane coscritto,
non pensava alla medaglia.
Se la terra l'imbavaglia,
io per lui ti pregherò.
Diciott'anni, o mio Signore,
sono belli da portare.
Com'è bella da donare
questa vita quand'è in fiore
Ora il fante contadino
disarmato dalla morte
dorme un sonno di bambino
coricato alle tue porte.
O Signore, tu lo puoi;
dagli il cielo degli eroi.

 


4 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • il 15/05/2013 09:53
    ^_^
  • giuseppe gianpaolo casarini il 15/05/2013 09:15
    O Signore, tu lo puoi;
    dagli il cielo degli eroi.

    Un omaggio delicato a chi nel fiore degli anni per la Patria morì!
  • il 05/05/2011 16:24
    Concordo su tutto al 101%
  • Nicola Saracino il 05/05/2011 15:16
    Che bei ricordi, il libro di lettura delle elementari, le bellissime poesie di Renzo Pezzani... dimenticato come si dimentica la grazia. Un grande autore, da leggere perché fa innamorare.