username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Mio Padre

Mio padre misurava il piede destro
vendeva le scarpe fatte da maestro
nelle fiere piene di polvere.
Tagliava con la roncella
la suola come il pane
una volta fece fuori le budella
a un figlio di cane.
Fu in una notte da non ricordare
e quando gli si chiedeva di parlare
faceva gli occhi piccoli a tutti.
A mio fratello tirava i pesi addosso
che non sapeva scrivere
i reclami delle tasse.
Aveva nelle maniche pronto
sempre un trincetto tagliente
era per la pancia dell'Agente.
Mise lui la pulce nell'orecchio
al suo compagno che fu arrestato
perché un giorno disperato
mandò all'ufficio il suo banchetto
e sopra c'era un biglietto:
«Occhi di buoi
fatigate voi».
Allora non sperò più
mio padre ciabattino
con riso fragile e senza rossore
rispondeva da un gradino
'Sia sempre lodato' a un monsignore.
E si mise già stanco -
dal largo mantello gli uscivano gli occhi -
a posare sulla piazza, di fianco,
a difesa degli uomini che stavano a crocchi.
E morì - come volle - di subito,
senza fare la pace col mondo.
Quando avvertì l'attacco
cercò la mano di mamma nel letto,
gliela stritolava, e lei capì e si ritrasse.
Era steso con la faccia stravolta,
gli era rimasta nella gola
la parola della rivolta.
Poi dissero ch'era un brav'uomo,
anche l'agente, e gli fecero frastuono.

 


1 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Paolo Venturi il 31/05/2012 19:01
    La storia di un uomo d'altri tempi, non in pace con il mondo, perché il mondo non gli dette pace, traspira fra le righe l'amore per sua la famiglia, e la rabbia verso l'ingiustizia, fatta e subita. Bellissima, vera poesia.