username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Curva minore

Perdimi, Signore, che non oda
gli anni sommersi taciti spogliarmi,
si che cangi la pene in moto aperto:
curva minore
del vivere m'avanza.

E fammi vento che naviga felice,
o seme d'orzo o lebbra
che sé esprima in pieno divenire.

E sta facile amarti
in erba che accima alla luce,
in piaga che buca la carne.

Io tento una vita:
ognuno si scalza e vacilla
in ricerca.

Ancora mi lasci: son solo
nell'ombra che in sera si spande,
né valico s'apre al dolce
sfociare del sangue.

 


3 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Andrea (le tre Botti) il 17/06/2011 21:46
    io tento una vita;ognun si scalza e vacilla in ricerca
  • Laura cuoricino il 03/08/2010 15:02
    Bella, anche se triste.
    'E sta facile amarti... in piag che buca la carne!' Forte, intensa!
  • il 12/05/2010 13:51
    Quando rimangono pochi anni ancora di vita, si vorrebbe essere come il vento, fuggire e navigare ancora felici... Bellisima poesia