username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Natale

Natale. Guardo il presepe scolpito,
dove sono i pastori appena giunti
alla povera stalla di Betlemme.
Anche i Re Magi nelle lunghe vesti
salutano il potente Re del mondo.
Pace nella finzione e nel silenzio
delle figure di legno: ecco i vecchi
del villaggio e la stella che risplende,
e l'asinello di colore azzurro.
Pace nel cuore di Cristo in eterno;
ma non v'è pace nel cuore dell'uomo.
Anche con Cristo e sono venti secoli
il fratello si scaglia sul fratello.
Ma c'è chi ascolta il pianto del bambino
che morirà poi in croce fra due ladri?

 


5 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Emiliano Francesconi il 04/11/2014 10:15
    Fantastica poesia a ricordare che mai vi e' stata pace nel cuore dell'uomo abitato ovunque da spirito di guerra e morte!!!!!
  • Donato Delfin8 il 06/04/2011 20:41
    Meravigliosa.
  • Terry Di Vetta il 18/02/2011 18:20
    Bellissima e l'interrogativo resta...
  • il 12/05/2010 13:27
    Stupenda. Mi sono ricordata del mio Natale. Belle queste parole di pietà di Quasimodo verso gli altri esseri umani.
  • il 18/03/2010 20:03
    Interessante e ben costruita, Complimenti per la scelta